Legittimo impedimento degli avvocati. Niente Processo per Roberto Maroni

processo maroni rinviato a causa avvocati

Milano – Chi si attendeva qualche novità rilevante dall’udienza per il processo intentato contro il presidente della regione Lombardia resterà deluso. L’udienza si è aperta giusto per il tempo di rinviarla al prossimo 5 maggio, per legittimo impedimento degli avvocati di Roberto Maroni. I 5 stelle in regione Lombardia insorgono senza accorgersi del particolare.

stefano-buffagni Legittimo impedimento degli avvocati. Niente Processo per Roberto Maroni Politica Prima Pagina Il processo che vedeva imputato il presidente del governo della Lombardia è stato rinviato al prossimo 5 maggio, per un legittimo impedimento del suo avvocato, che ricopre delle cariche pubbliche e che aveva degli impegni istituzionali inderogabili. L’udienza si è quindi chiusa pochi minuti dopo la sua apertura. Roberto Maroni  e altre 3 persone sono sotto processo per delle presunte pressioni che avrebbero fatto per far ottenere un lavoro a due ex collaboratrici e per un viaggio a Tokio che non è avvenuto.
Anche se breve, non è stato comunque un dibattimento tranquillo. La data per la celebrazione del processo è stata discussa perchè le date proposte dall’accusa sarebbero state tutte concomitanti con impegni di vario genere che erano state già individuate. Da quanto riferiscono le fonti dei giornalisti presenti ( corriere del ticino), c’è stato un siparietto fra l’avvocato Domenico Aiello, difensore di Roberto Maroni, e il pubblico Ministero Eugenio Fusco. Il secondo, che sembra avere fretta, ha detto: “Sono solo 4 imputati per 2 capi di imputazione, è un ‘processetto’ e se si vuole si possono esaurire i miei testi fissando udienze in una sola settimana”. e l’avvocato Aiello gli ha risposto: “Lo ha detto lei che è un ‘processetto’! “. Alla fine il presidente del collegio Oscar Magi ha chiesto la disponibilità di tutti, perchè i processi si devono fare e si sono accordati per il 5 maggio 2016.

Come Stefano Buffagni , del M5S Lombardia, ha saputo ha inviato un comunicato stampa in cui commenta il processo dicendo che Roberto Maroni “gioca a nascondino con i giudici e la legalità” aggiungendo poi che “Maroni evidentemente ha intenzione di portare il suo processo al 2074. Sembra un film già scritto, sta ripercorrendo la strada del suo mentore, amico e compagno di governo Silvio Berlusconi. Oltre che il Milan li unisce la passione per il gioco a nascondino con i giudici. Ha spergiurato la sua innocenza ma continua a sottrarsi al processo. La sua credibilità è ormai pari a quella dell’ex Cavaliere”. Stefano Buffagni ha esagerato. Che cosa voleva? Che Roberto Maroni si presentasse al processo senza avvocati, cosa che comunque non è concessa dalla legalità, che lui dice di difendere?

maronigrillo Legittimo impedimento degli avvocati. Niente Processo per Roberto Maroni Politica Prima Pagina In Italia non ci si può difendere da soli, come invece succede negli Stati Uniti. Sembra aver confuso il legittimo impegno degli avvocati (anche del pubblico ministero) con quello, che non c’è stato, di Roberto Maroni. Insomma,  stavolta, per la paura che gli diano del leghista se rimane troppo razionale, Stefano Buffagni ha fatto quel che chiamano”pipi fuori da vaso”, e ha attaccato Maroni su qualcosa che non c’è stato.
Roberto Maroni ha perso un po’ la pazienza e ha risposto, come usualmente fa, con una riflessione pubblicata su twitter ( linkata poi su Facebook) “Che delusione i grillini: 3 anni in @LombardiaOnLine, proposte zero, insulti tanti, cabaret di terz’ordine in Consiglio” utilizzando un hashtag #‎benzinafinita‬.
Un peccato davvero perchè i grillini si stanno autolimitando moltissimo, specie Stefano Buffagni, che sembra molto condizionato dalla paura  che lo considerino contaminato dai leghisti e dal parere che il suo movimento esprimerebbe su di lui se non fa bagarre.

Ilaria Maria Preti
About Ilaria Maria Preti 2400 Articles
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Oltre che occuparmi di Cronaca Ossona, coordino la redazione di ZoomMilano.it, collaboro con Conlombardia.com e con alcune agenzie di stampa.

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Rispondi