Come han fatto con Master e fascia di rispetto cimiteriale

Inveruno – Lo scorso 18 febbraio, nei locali comunali sotto la farmacia di Furato, frazione di Inveruno, si è tenuta una riunione pubblica in cui il sindaco Bettinelli ha tentato di spiegare ai cittadini di Furato perchè il consiglio comunale di Inveruno ha diminuito la fascia di rispetto del loro cimitero al confine con Ossona. Il sindaco ha reso noto che il Comune di Inveruno, in cambio, avrà 460 mila euro di lavori per oneri di urbanizzazione. Ma la Master Casa non è nel territorio di Ossona?

cimitero-master Come han fatto con Master e fascia di rispetto cimiteriale Magazine Piazza Litta Prima Pagina Strani Casi   La storia è una di quelle che finiranno negli Strani Casi Ossonesi. Complicata, sfaccettata e con una miriade di spin off. C’è il sindaco di Ossona, Marino Venegoni, che sparisce misteriosamente durante in consiglio comunale, proprio mentre era in discussione e votazione della presa d’atto per la diminuzione della fascia di rispetto cimiteriale del Comune confinante, Inveruno, e che riguarda il cimitero della frazione di Furato: la fascia di rispetto cimiteriale si estende anche sul territorio del comune di Ossona, là, in fondo a via Alfredo di Dio, dove c’è la Master Casa, magazzino e sede della ditta cinese che si occupa di import e export di prodotti e oggettistica e che è a Ossona da una ventina d’anni. Lì, in fondo al loro appezzamento di terreno, ci sono dei  vecchi capannotti abusivi, più che altro delle baracche, che si trovavano all’interno della fascia di rispetto. Una di quelle storie che arrivano dal passato e di cui avevamo già parlato nell’articolo Riduzione fascia di rispetto cimiteriale. Ossona prende atto.

Ne riparliamo proprio perché durante la riunione del 18 febbraio il sindaco di Inveruno Bettinelli avrebbe, da quanto ci hanno riferito, presentato l’ampliamento della Master come un buon affare per il Comune di Inveruno perché la Master pagherà 460mila euro di lavori come oneri di urbanizzazione a scomputo. Non si sa bene perché ma chi era alla riunione ha pensato che si trattasse di un regalo che la Master faceva al Comune di Inveruno in cambio della possibilità di costruire vicino al cimitero. Non si spiegherà mai abbastanza che il pagamento in opere non è un regalo che l’imprenditore fa al Comune ma è, invece, una facilitazione che il Comune concede all’ imprenditore. Infatti, in genere, l’opera da eseguire è valutata a preventivo di gara pubblica che ha delle caratteristiche tali per cui risulta sempre più cara rispetto all’affidamento da privato a  privato, tant’è vero che ci si è accorti che il metodo del pagamento degli oneri di urbanizzazione in opere a scomputo permette agli imprenditori di risparmiare dal 20% al  30% dei costi. Le ultime leggi in materia, infatti, dicono che è necessario diminuire la valutazione dell’opera del 10/15%, oppure aumentare il totale del dovuto del 10-15%, perché vi sia un piccolo vantaggio anche per il Comune e che, poi, è necessario fare un collaudo dell’opera a scomputo prima di accettarla nei propri cespiti, così l’ente pubblico può essere certo che l’opera sia conforme e di valore adeguato a quanto stabilito. La questione particolare è che il terreno della Master, quello su cui ha chiesto l’ampliamento, dovrebbe trovarsi sul territorio di Ossona, e quindi semmai, le tasse dovrebbero entrare nelle casse di Ossona, e non in quelle di Inveruno. Che pasticcio è mai questo? Son cambiati i confini? Li hanno ridisegnati? La Master non è a Ossona ma è a Inveruno? Tutti misteri da scoprire.

Nella storia si inserisce anche l’assenza del sindaco Marino Venegoni durante il consiglio comunale. Il gruppo di minoranza Siamo Ossona ha infatti domandato se il sindaco si era assentato dall’aula perché era incompatibile in quanto commercialista della Master. Il sindaco, invece di rispondere con si o con un no, che non gli sarebbe costato molto, proprio perchè aveva rispettato la legge uscendo dall’aula, ha evitato di rispondere alla minoranza, mandando una lettera in cui dà dell’invidioso (o geloso) al consigliere comunale Sergio Garavaglia, e lasciando tutti piuttosto imbarazzati, anche alcuni  consiglieri della sua stessa maggioranza.
Una risposta simile fa infatti sospettare che interno all’ampliamento della Master possa esserci chissà quale segreto da nascondere.

Ilaria Maria Preti
Chi sono Ilaria Maria Preti 2355 articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.

Commenti e Diritto di replica

Rispondi