Riccardo Grittini assolto. Il fatto non sussiste ( Gad, chiedi scusa!)

Corbetta – Riccardo Grittini, giovanissimo assessore della Lega Nord, di Corbetta è stato completamente assolto. Era stato accusato di essere razzista, condannato al diaspo, insultato e accusato dai giornali, persino da Gad Lerner e non aveva fatto nulla. E’ passata in giudicato al sua assoluzione a formula piena, perchè il fatto non sussiste. La fine di un calvario. Ora in molti dovranno chiedergli scusa: fra i tanti, anche il giornalista Gad Lerner che lo aveva definito che aveva usato parole come ‘forcaiolo’ e ‘razzista’

riccardo grittiniL’ass. Riccardo Grittini era già stato assolto nel maggio 2015 al tribunale di appello di Milano, ma cera ancora la possibilità che la procura si rivolgesse al terzo grado di giudizio che giudica le procedure, la Cassazione. Oggi sono scaduti i termini e la procura non ha fatto ricorso, quindi l’assoluzione di Riccardo Grittini diventa definitiva. Importante è anche la motivazione: il fatto non sussiste. Cioè Riccardo Grittini non ha mai fatto “buu buu” a Boateng. O meglio, è stato  ampiamente provato che Riccardo non ha mai fatto il razzista “uh uh” a Boateng, durante quella famosa partita di calcio fra il Pro Patria di Busto Arsizio e il Milan.
“Adesso, finalmente, lo posso dire a gran voce. Dopo essere stato assolto nel processo di appello al Tribunale di Milano, la Procura non ha avanzato ricorso in Cassazione, pertanto la sentenza di assoluzione è passata in giudicato, ed è da ritenersi definitiva. Sono quindi decadute tutte le accuse, non per mancanza di prove o altro, ma perchè il fatto non sussiste.

Qualcuno mi ha dipinto come un mostro: basta riportare qualche articolo dell’epoca, direi soprattutto uno, quello del ben noto giornalista Gad Lerner, che aveva usato parole come ‘forcaiolo’ e ‘razzista’. Forse, sarebbe bastato aspettare. Forse, sarebbe bastato essere meno violenti e meno precipitosi. Forse, adesso, basterebbe chiedere scusa. Io sono qui che aspetto… A testa alta con il sorriso sulle labbra… come sempre!” scrive Riccardo sulla sua pagina Facebook. Non avevo dubbi che sarebbe finita così. Lo avevo scritto anche nell’articolo Corbetta, Riccardo Grittini rimanda le accuse di razzismo al mittente, perchè conosco Riccardo e so perfettamente come è fatto, però contro di lui si era scatenata una vera e propria guerra. Internet e telegiornali avevano dato il peggio di quello che potevano dare in tema di rilanci e di notizie.

Ne avevo parlato in Corbetta, l’ass. Riccardo Grittini sottoposto ad un indecente attacco mediatico e avevamo seguito la vicenda. Un insieme di insulti, come un bombardamento, da tutto il mondo con cui per più di 15 giorni era stato  sottoposto lui, un giovanissimo assessore allo sport,  21 anni appena e tanta voglia di impegno civico, per colpire tutta la Lega Nord. Probabilmente, però, chi fece il trombone allora, ora non ricorda neppure più delle cattiverie che aveva scritto contro un innocente.

Ilaria Maria Preti
Chi sono Ilaria Maria Preti 2351 articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.

Commenti e Diritto di replica

Rispondi