Cambio in consiglio comunale: entra la Lega Nord

Casorezzo – Cristian Cassani è entrato in consiglio comunale al posto di Lorenzo Brusa e, oltre a far parte della lista Rivivere Casorezzo, è un componente della locale sezione della Lega Nord, che in questo modo acquista un rappresentante in consiglio comunale. Brusa ha dato le dimissioni per impegni di lavoro.

cristian cassani casorezzo lega nordDurante il primo punto del consiglio comunale di Casorezzo che si è svolto nell’aula sotto le scuole medie è avvenuta la surroga fra i due consiglieri comunali della lista Rivivere Casorezzo. Al posto di Lorenzo Brusa è entrato Cristian Cassani. Rivivere Casorezzo è una lista civica che si è presentata lo scorso 2104 alle elezioni amministrative di Casorezzo.
Cristian Cassani, però nel marzo scorso si è iscritto alla Lega Nord, e ha cominciato a frequentare la sezione della Lega Nord Ossona Casorezzo, che così acquista un consigliere comunale in condivisione con la lista civica Rivivere Casorezzo, che comunque è formata da persone che hanno accettato di buon grado questa vicinanza. Anche chi lo ha eletto e gli ha dato la preferenza alle elezioni amministrative sapeva perfettamente quale fosse il suo pensiero ideale e come condividesse le idee e i progetti della Lega Nord.
Cassani, infatti, è un leghista della vecchia guardia, pur avendo fatto la tessera di recente, uno di quelli che non ha mai perso un appuntamento di Pontida o una manifestazione, e ora si ritrova così a ricoprire la sua carica a nome di due gruppi. Il suo di elezione e quello della Lega Nord, e nella sua prima dichiarazione non manca di sottolineare questi aspetti e dichiara:” Sono orgoglioso di essere leghista da sempre e fra poco otterrò la tessera da militante. Continuerò il lavoro che ha compiuto Lorenzo Brusa, di cui ho un’ottima opinione.  Come lui sarò al servizio dei cittadini per proporre soluzioni e iniziative e per controllare il lavoro dell’amministrazione comunale.”
Nella lista di rivivere Casorezzo c’è anche un altro leghista, che arriva da una esperienza di amministrazione comunale Andrea Sisti.

All’ordine del giorno del consiglio comunale c’era anche la convenzione con la Sigit, un consorzio di Comuni che si occupa della gestione telematica delle pratiche edilizie, che è stata approvata all’unanimità, e la proroga per un altro anno della convenzione della polizia locale nella zona del Sempione. Non si tratta della convenzione con la polizia locale che Casorezzo ha con Ossona, ma di un’altra convenzione vecchia di anni, finanziata dalla regione Lombardia, che permette ai Comuni di aree omogenee (in questo caso quelli dell’asse del Sempione) di unire le forze e garantire qualche pattuglia notturna e fuori orario in più, con gli straordinari effettuati dalla polizia locale pagati dalla regione Lombardia. Ossona aveva una convenzione simile con Sedriano, Vittuone e Arluno, ma è stata chiusa anni fa dopo l’uscita di Sedriano e Vittuone.
Infine, l’ultimo punto del consiglio comunale ha riguardato il prelievo di 1800 euro dal fondo di riserva per far fronte ad un accordo sindacale derivato da una trattativa con i rappresentanti dei dipendenti comunali.

Ilaria Maria Preti
Chi sono Ilaria Maria Preti 2335 articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.