A Casorezzo l’anatra è nella Tomba del canale

Cassorezzo, l'anatra nel canale

Casorezzo – Vivere nei nostri paesi significa avere a che fare giornalmente con la natura e con gli animali selvatici. Gli incontri ravvicinati con il mondo fantastico dei boschi sono meno rari di quel che si pensi. Un riccio che va a bere il latte del micio, la volpe che attraversa all’improvviso la strada , alla sera, o il leprotto che, incurante della nostra predilezione per la polenta condita, si siede sul ciglio della strada e guarda passare le automobili. Qualche daino, rinaturalizzato  dopo essere scappato  dai qualche giardino, e poi tanti uccelli diversi: fagiani, poiane, falchi pellegrini, civette, barbagianni, cardellini, passerotti, piccioni, tortore selvatiche, pippistrelli, rondini e anche anatre.

Pubblicità

funerali Lista

Cassorezzo, l'anatra nel canaleCredo proprio che sia un’anatra. L’ho vista per caso, passando sulla pista ciclabile a Casorezzo, all’altezza della Zucchi, dove c’è la tomba. Per i cittadini, la tomba è il punto in cui il canale secondario del Villoresi che passa da Casorezzo e Ossona, fa un salto di circa metri, creando così abbastanza corrente da permettere all’acqua di scorrere nonostante la poca pendenza del canale che corre verso Milano.
Proprio in quel punto dopo la Sucia, cioè la chiusura del canale di irrigazione, a metà settembre, per l’inverno, è rimasta una piccola pozzanghera d’acqua. Il canale è vuoto.
L’acqua tornerà il prossimo 25 aprile. La tomba è tombinata, ovviamente, e sopra ci passa la strada, mentre a lato del canale corre la pista ciclabile rialzata rispetto alla sede stradale.
In quel punto ci sono anche i collettori e le chiuse dei canali che in estate portano l’acqua ai campi che si trovano in direzione di Inveruno.
Ed è in quella pozzanghera di acqua sporca, al buio, che questa mattina, mentre tornavo dalla fiera di San Salvatore, ho visto velocemente, con la coda dell’occhio una un’anatra che nuotava.

Pubblicità

L’ho vista solo perchè si muoveva sull’acqua sul fondo della tomba, altrimenti, con i colori che aveva, non mi sarei mai accorta della sua presenza. E’ subito sparita all’interno della tomba del canale. Un po’ preoccupata dal fatto che la l’animaletto poteva essere rimasto intrappolato, sono andata dall’altro lato, ed qui che, non senza difficoltà, ho visto l’anatra al sicuro, in un punto in cui poteva tranquillamente risalire le sponde del canale.
Non  sembrava, però, essere intenzionata a farlo. Lì di fianco a lei, c’era quello che sembra un nido. A causa dei collettori e dell’erba scivolosa, quel punto è abbastanza difficile da raggiungere e le fotografie sono state piuttosto difficili da fare. Non è che l’anatra non collaborasse, anzi. Se ne stava immobile, così ferma da essere un soggetto perfetto per una fotografia, se si fosse riuscita a vederla. I miei occhi la vedevano, in realtà, ma nelle varie fotografie che ho tentato di farle era così ben mimetizzata sullo sfondo buio della tomba che risulta quasi completamente invisibile. Vi posto una delle foto in cui si vede meglio e vi sfido a trovarla.

Pubblicità

gt consulting di Manuele Trentarossi

Commenti Facebook
Pubblicità
  • Vittoria acconciature ed estetica

  • Bed & breakfast La Scala a Rho

  • gt consulting di Manuele Trentarossi

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 4806 Articoli
Metà Milanese e metà Mantovana, sono il Direttore responsabile di Co Notizie -Zoom News. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker di Radio Padania libera. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Editor Specialist

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.