Bocciati PD e sfiducia a Maroni (in un colpo solo)

Maroni si tiene la fiducia

Lombardia – Questa mattina alle 10.00 il Consiglio della regione Lombardia ha respinto la mozione presentata dal PD, Partito Democratico, e sostenuta dal movimento 5 stelle che chiedeva alla maggioranza dei consiglieri di togliere la fiducia al Presidente Roberto Maroni e al Governo Lombardo, per tornare al voto. Roberto Maroni ha commentato su Twitter e su Facebook: “Grazie alla mia maggioranza in @LombardiaOnLine per la fiducia che oggi compattamente mi ha riconfermato.”

Annunci sponsorizzati

Maroni si tiene la fiduciaLa mozione di sfiducia presentata dal Partito Democratico, e firmata anche dal Movimento 5 stelle, contro il presidente Roberto Maroni è stata discussa oggi in Consiglio regionale. Al termine delle dichiarazioni di voto il presidente dell’assemblea, Raffaele Cattaneo, ha posto in votazione la mozione di sfiducia presentata dall’opposizione che è stata respinta con 47 No, 30 Si e un non partecipante. Un completo fallimento delle opposizioni che tentavano di ottenere uno scompaginamento della maggioranza facendo leva sui tentativi di screditare l’assessore al bilancio Massimo Garavaglia e di aggravare la posizione di Mario Mantovani, ex assessore alla Sanità  e ora vicepresidente in autosospensione. Le opposizioni hanno fatto male i calcoli perchè la maggioranza ha risposto compatta a presidente accordandogli la fiducia richiesta per continuare a governare senza alcun problema.

Annunci sponsorizzati

Difatti negli ultimi giorni, prima ancora che fosse ufficializzata la mozione presentata, Roberto Maroni aveva incontrato i segretari dei partiti che compongono la maggioranza e i capigruppo, assicurandosi la continuazione della legislatura. Da quello che è successo non si può evitare di riconoscere una manovra di tipo politico che è partita sicuramente con una fuga di informazioni dal tribunale, che sono state montate ad arte con un crescendo di articoli dei quotidiani online cartaceo cercando di portare a all’esasperazione le vittime dello “sputtanamento”, a cui in genere, secondo una ormai ben conosciuta strategia mediatica, seguono delle dimissioni e spesso la rinuncia. Questa volta non è andata così. Le vittime hanno resistito benissimo allo sputtanamento, non si sono dimesse, sono state difese, la maggioranza si è ricompattata e il Pd si è attapirato.
Sul sito della Lega nord hanno commentato il voto di questa mattina in Regione Lombardia con una certa ironia: “Lombardia, bocciata la mozione di sfiducia a Maroni. La Sinistra si deve arrendere al fatto che, per governare la Lombardia, prima dovrà vincere le elezioni.” Il riferimento è naturalmente è al ruolo di Matteo Renzi che governa pur non essendo stato votato.

Annunci sponsorizzati

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 4388 Articoli
Metà Milanese e metà Mantovana, sono il Direttore responsabile di Co Notizie -Zoom News. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker di Radio Padania libera. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Editor Specialist

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.