Ladri sfondano le vetrine di negozi di notte a Ossona

Ossona – Nella notte fra i 15 e il 16 di agosto, verso la una del mattino, in meno di mezz’ora si sono verificati due assalti dei ladri. Colpiti il negozio di Agraria di Alfonso, in via Padre Giuliani e la pasticceria Dolci tentazioni, di Marta, sotto i portici di via Bosi. Un ragazzo che stava tornando a casa, ha visto e ha chiamato uno dei membri di Ossona Sicura. Nello stesso momento anche un altro componente di Ossona Sicura ha visto i ladri e chiamato i carabinieri.  Intervenuti i più giovani, mediante il passaparola, hanno raccolto notizie e testimonianze da consegnare ai carabinieri e hanno infine messo in sicurezza le vetrine de negozi sfondati. Magrissimo, anzi, nullo il bottino. Gravi i danni alle due attività commerciali. I ladri ripresi dalle telecamere.

ossona alfonsoDue ladri abili nello scasso ma completamente deficienti. Chi volete che lasci nella cassa del negozio anche solo pochi spiccioli, nel giorno di ferragosto? Tutti e due i negozi  depredati sono in aree video sorvegliate. L’ora non tarda dela notte di una giornata di festa, la una meno dieci del 16 agosto, ha fatto in modo che i ladri siano stati visti da testimoni. I cittadini che aderiscono al comitato di Ossona Sicura, e anche alcuni giovanissimi, si sono passati la voce e sono intervenuti immediatamente. Purtroppo non è stato possibile fermare i due giovani che dalla voce avevano fra i 20 e i 25 anni. I due erano incappucciati. Segno che perlomeno sanno leggere i cartelli che indicano che la zona è video sorvegliata. La sfrontatezza è tipica di quelli che pensano di essere intoccabili e di potersi permettere qualunque porcheria perchè tanto “La polizia non li prende e anche se li prende non gli fa niente perchè sono cittadini italiani,  li libera subito e comunque a chi comanda non gliene frega niente.” Si, è questo che pensano, quei cervelli da gallina: per questo son così sfrontati. Ma son altrettanto galline quelli che hanno dato loro questa convinzione, con le loro dichiarazioni e scelte amministrative scellerate .

dolci tentazioniNel giro di 300 metri e in meno di mezz’ora questi delinquenti, feccia della terra, hanno compiuto due furti, spaccando le vetrine di due negozi, scappando poi con un’alfa 147, di colore grigio, rubata. Si è saputo che l’auto è stata rubata ieri a Magenta. Non hanno trovato denaro. Hanno solo causato dei gravi danni a delle persone oneste che lavorano e pagano le tasse, a delle persone per bene. Attualmente tutti i video registrati, le foto scattate, le testimonianze  e anche altre prove, sono nelle mani dei carabinieri che, questa volta, hanno trovato un gruppo di ossonesi compatto e in grado di dare loro tutte le informazioni necessarie a individuare i delinquenti, che sono sicuramente conosciuti, dato che il modus operandi è lo stesso dell’assalto al negozio di parrucchiera nelle scorse settimane. Dopo lo scasso e il furto, e dopo l’arrivo dei carabinieri, il gruppo di cittadini di Ossona Sicura si è mobilitato e ha aiutato a mettere in sicurezza i due negozi, le cui vetrine ora attendono di essere riparate.  Tutta la solidarietà di Cronaca Ossona va alle due vittime e alle loro famiglie, Marta e Alfonso e un ringraziamento di cuore a quei cittadini che si sono attivati.

Ilaria Maria Preti
Chi sono Ilaria Maria Preti 2250 articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.

3 Commenti

Commenti chiusi.