Buon compleanno, Cronaca Ossona

Buon compleanno CronacaOssona. Ieri il nostro blog informativo ha compiuto 3 anni di vita. Nacque infatti il 20 luglio 2012 e il primo articolo andò online il 30 luglio: si trattava di Il granaio di Ossona ed era già polemico, per scelta, nei confronti dell’amministrazione comunale di Ossona e di Incontro. Ecco la storia della nascita del nostro organo informativo e della sua evoluzione.

Buon compleanno cronacaossona, Erano i primi di luglio 2012 quando nella sede degli Orsetti padani, in via IV novembre a Ossona, durante una riunione degli allora felici, collaborativi e pieni di idee e progetti 15 componenti della sezione Tonino Garavaglia della Lega Nord di Ossona, si iniziò a parlare della mancanza di comunicazione e di come fosse difficile far circolare in modo onesto e obiettivo notizie e vari punti di vista. Ad Ossona l’informazione era affidata alle poche righe dei due settimanali, Settegiorni a Altomilanese, e al pettegolezzo, chiamato anche ufo o freesbee che la faceva da padrone ed era dominato da quattro o cinque persone di paese che lo utilizzavano per gestire il potere. Il segretario della Sezione della Lega nord, in quel momento, ero io.

albertino del 2011 ossonaCome Lega Nord di Ossona avevamo l’Albertino, il foglio informativo della sezione della lega nord di Ossona e di Casorezzo, che veniva distribuito in 1600 copie su tutta Ossona ogni due mesi circa e in 2mila copie due volte l’anno a Casorezzo, in formato differente. Li scrivevo io, ma i contenuti erano decisi in sezione. L’Albertino, così come l’allora neonato blog sul server della Lega nord, come il sito internet della sezione, quel famoso leganordossona.org, che aveva 8 anni di vita, e come la pagina Facebook, furono chiusi con il commissariamento della sezione della Lega Nord di Ossona, nel 2013.

I limiti degli organi informativi di partito sono parecchi: uno è quello non poter essere espliciti e, nello scrivere, bisogna sempre avere un occhio al futuro e una visione strategica, con un fine. L’Albertino, così come i siti internet, potevano essere solo poco più che dei volantini pubblicitari del nostro movimento. Il che andava benissimo, ma ai veri leghisti di Ossona non bastava più.

Noi volevamo qualcosa che fosse al servizio del paese, che includesse tanti autori, di tutte le idee, politiche e sociali. Avremmo scritto anche noi leghisti, certo, (perlomeno alcuni), ma volevamo coinvolgere la parrocchia,  il centrodestra, quelli di sinistra, le associazioni e anche il Comune. Insomma, tutti quelli che avrebbero avuto qualcosa da dire su Ossona, fossero cose belle e fossero cose brutte. Immaginavamo un giornale quotidiano online, da leggere con il cellulare, obiettivo, perchè comprensivo di tutti i pensieri, e informativo che avrebbe coinvolto anche chi passava le sue giornate a Milano al lavoro e a Ossona tornava solo la sera. Immaginavamo anche di poterlo allargare a tutti i Comuni dell’altomilanese. E nel mio animo di leghista, sono sempre stata convinta che nel confronto con le altre idee politiche il pensiero e il progetto della Lega nord sarebbero risaltati per limpidezza, grandezza e fattibilità.

Così nacque la collaborazione con Giuseppe Lanzani, che certamente leghista non è mai stato, e che aveva dato al sua disponibilità come tecnico e come blogger, e che cercò anche altre persone disponibili a scrivere liberamente e senza essere pagate. Registrammo il dominio a nome mio e iniziò l’avventura di CronacaOssona.com. Questi 3 anni sono stati lunghi, pesanti, ma anche pieni di soddisfazioni. A causa proprio del pettegolezzo e del modo di gestire il potere da parte della Crema di Ossona (si potrebbe parlare di mentalità mafiosa di alcuni componenti del gotha del potere ossonese) a Ossona tutti leggono CronacaOssona, ma ben pochi hanno il coraggio di scriverci. Il loro timore è quello di essere presi a parolacce in piazza da Gibo, Gilberto Rossi, dei verdi, che da tempo minaccia le persone che vede parlare con me o che hanno messo la loro firma sul nostro blog, (ha atteggiamenti da stalker, quell’uomo, e non da politico) oppure di avere guai con l’amministrazione comunale, il cui vicesindaco, Giovanni Oldani, durante un consiglio comunale ha avuto la faccia tosta di vietare di leggere “certi siti”, come li chiama lui. Non dimentico nemmeno la faccenda della multa sulle strisce pedonali che non esistono.

Sopra ogni problema, però, ci sono state le grandi soddisfazioni. Da circa un anno, CronacaOssona è in Google News. Quello di essere compresi nella rassegna stampa mondiale della grande G è un riconoscimento importante del lavoro fatto. Non importa se un commissario cretino, e un paio di persone che hanno fatto della falsità e della bugia una professione, hanno fatto girare la voce che cronacaossona non è di matrice leghista, sparso pettegolezzi, raccontato bugie e mandato dei comunicati stampa per denigrarmi e distruggere quanto fatto per Ossona e per la Lega Nord in tutti questi anni. CronacaOssona continua con il suo progetto iniziale che non è mai cambiato di una sola virgola e in cui credo ancora moltissimo.
Alla fine, la verità trionfa sempre: specie quando si ha nelle mani la possibilità di raccontarla al mondo intero. Buon terzo Compleanno, CronacaOssona!

Ilaria Maria Preti
Chi sono Ilaria Maria Preti 2266 articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.