Ossona, il revisore dei conti boccia il bilancio di previsione

Sono stati resi pubblici i documenti del bilancio di previsione dell’amministrazione comunale di Ossona che sarà portato in Consiglio Comunale a fine luglio. Il revisore dei conti dell’amministrazione comunale ha dato il parere non favorevole. Un modo carino per dire che il parere tecnico sulla previsione degi investimenti è negativo. Con le previsioni presentate, infatti,  il Comune non rispetterà il patto di stabilità. Non è stato considerato che la legge 78/2015 diminuisce gli obiettivi di riduzione della spesa pubblica dell’accantonamento per i debiti difficilmente esigibili,  e le conseguenze del mancato rispetto del patto saranno molto pesanti. Vediamo insieme cosa è successo.

parere revisore dei conti OssonaCosa fa il revisore dei conti

L’amministrazione comunale di Ossona ha distribuito il bilancio di previsione per il 2015 ai capigruppo consiliari e dimenticandosi di rendere facilmente accessibile il documento, che è assolutamente pubblico, anche ai cittadini. Ottenerlo, infatti, è stata una impresa. Una volta avuto, però, all’interno della documentazione abbiamo trovato il parere del revisore dei conti, figura tecnica pagata dal Comune stesso, che ha il compito di analizzare il bilancio di previsione e quello rendiconto alla luce della regolarità legislativa e tecnica e da quello del risultato economico ottenibile. Il revisore, infatti, non giudica mai le scelte politiche e non dà suggerimenti di merito, ma basa le sue osservazioni solo sui dati e consiglia delle soluzioni. Il suo parere è importantissimo, perchè se è favorevole i consiglieri comunali che votano il bilancio sono sollevati da molte responsabilità personali.

Vi faccio un esempio pratico e semplice. Il revisore non scriverà mai: non fate la piazzola ecologica, ma asfaltate le strade. Non scriverà neppure che sono stati previsti troppi pochi fondi per asfaltare le strade in base al progetto effettuato. Infatti, decidere come, quanto e per cosa spendere i soldi pubblici è un compito del politico. Il revisore scriverà, invece, se il bilancio è giusto o non è giusto e se è conforme o non conforme alle leggi e ai regolamenti per i bilanci.  Il Revisore dei conti dell’amministrazione comunale di Ossona ha scritto che dà parere favorevole sul bilancio di previsione 2015 su: regolarità contabile, rispondenza alle leggi e ai regolamenti, attendibilità (le cifre non sono inventate) ma che dà parere non favorevole, cioè negativo, in relazione al rispetto della coerenza esterna in particolare sull’impossibilità di rispettare i limiti disposti dalla legge per il patto di stabilità.

ritaglioparerenon favorevoleCos’è il patto di stabilità?

Il patto di Stabilità fu stretto fra tutti gli stati del’Unione Europea  nel 1997 e prevede un’impegno a ridurre del 3% annuo la spesa pubblica di tutti gli enti interni ad ogni stato. La legge italiana prevede che anche i Comuni ne siano sottoposti. Una  semplice spiegazione di cosa sia il patto di stabilità la trovate su Bergamopost. Invece sul sito internet rompiamo il patto trovate l’elenco e i comuni virtuosi (di cui Ossona non fa parte) e una iniziativa della lega Nord che chiedeva ai sindaci dei Comuni virtuosi di ribellarsi all’applicazione dei limiti di spesa. Sapendo come stavano le cose, cioè che il Comune non stava incassando le tasse dall’azienda Bertola, riuscii a convincere il sindaco di Ossona del 2013, Luigi dell’Acqua, a partecipare al’iniziativa, nella speranza che capisse a che rischio esponevano il Comune di Ossona. Esiste anche un post di CronacaOssona con il video dell’intervento del sindaco di Ossona. Purtroppo non avevano capito come non ha capito l’ex assessore al bilancio, l’attuale sindaco di Ossona, Marino Venegoni e i nodi sono arrivati al pettine con l’imposizione della Corte dei Conti di costituire fondo  per i debiti difficilmente esigibili, che per Ossona sono di circa 13mila euro per i prossimi 30 anni a causa del mancato incasso delle tasse per circa 487mila euro. Chi ha buona memoria ricorderà che, da sempre, la Lega nord aveva criticato la scelta dell’amministrazione comunale di Incontro di non tenere sotto stretto controllo lo stato economico dell’azienda Bertola, che aveva fatto delle scelte ben poco credibili economicamente, ( la vicenda del Senegal e dei mancati stipendi erano solo alcune) e dalle cui tasse sono dipesi parecchi bilanci di previsione delle ultime 3 legislature, tutte gestite da Incontro, sia per gli oneri di urbanizzazione nella costruzione dei nuovi capannoni sia per le tasse. In un altro post scriveremo quali sono le conseguenze del mancato rispetto del patto di stabilità.

Ilaria Maria Preti
Chi sono Ilaria Maria Preti 2241 articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.

Commenti e Diritto di replica

Rispondi