La Padania e la vittoria degli europei 2015 di calcio

Non erano a Pontida, quest’anno, ma sono andati a giocare  in Ungheria, a Debrecen, e nello stesso giorno in cui Matteo Salvini portava a casa un’altra vittoria per la Lega Nord con le 50mila presenze sul grande prato del giuramento di Pontida, loro portavano a casa la vittoria della squadra di calcio della Padania ai campionati europei 2015 delle Nazioni senza Stato.

La Padania e la vittoria degli europei di calcioTutti componenti della squadra della Padania sono entusiasti, come lo sono i loro tifosi. Il capitano Stefano Tignosini è stato il primo a complimentarsi con gli altri componenti del gruppo per l’ottimo successo. “ Il merito di questa vittoria è da ricercare nell’ottimo lavoro svolto da tutto il gruppo di Padania FA in generale (giocatori, allenatore, dirigenti, magazzinieri). Siamo una famiglia e questa vittoria è stata conquistata da tutto il nostro staff e da chi ruota intorno al nostro mondo”. Anche Riccardo Grittini mette l’accento sul bel rapporto ceh c’è fra tutti i componenti della squadra. “ Dedichiamo quest’impresa a tutti coloro che si sono fatti in 4 per riuscire a darci la possibilità di disputare questo torneo nel migliore dei modi; insieme abbiamo superato diverse difficoltà, abbiamo viaggiato in pullman oltre 16 ore per poter raggiungere Debrecen, ma siamo un gruppo di amici oltre che giocatori ed umili persone e questa è stata la nostra arma in più” e lo stesso fa Matteo Prandelli “Abbiamo sofferto nel corso della prima partita per via dell’inattività dai campi di molti di noi. In seguito, abbiamo cercato di dimostrare di essere un grande gruppo ed abbiamo conquistato tutte le restanti partite (finale compresa). Sono felice di aver segnato tanto e di aver conquistato il titolo di miglior giocatore del torneo, quando ti ritrovi ad affrontare una squadra molto più preparata e dotata di giocatori professionisti non è mai semplice mantenere l’assetto (sia in 11 che con un giocatore in più, sul 2-0 a nostro favore)”.  Il sunto del campionato lo fa però Fabio Cerini: “Ringrazio tutti i nostri giocatori, che oltre ad aver disputato una grande finale hanno sopportato molte problematiche organizzative. Voglio ringraziare in primis tutti gli sponsor chi ci hanno permesso di partecipare a questo europeo (ci tengo a sottolinearlo), gli altri componenti di Padania Fa (Alberto Rischio, Enrico Bombelli, Raffaele Volpini) per essere stati molto vicini a noi ed il CT Arturo Merlo, che (credo) avrebbe fatto bella figura in ogni caso”. E ora l’appuntamento è per il prossimo anno! (Cristian Nisticò, Addetto Stampa Padania Football Association)

Ilaria Maria Preti
Chi sono Ilaria Maria Preti 2290 articoli

Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l’ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it).
Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.