Renzi e la fregatura per gli insegnanti statali (e le pensioni?)

Renzi e la fregatura per gli insegnanti statali

Renzi e la fregatura per gli insegnanti statali

Il ministro Renzi ha promesso assunzioni miracolose nel comparto dei dipendenti pubblici statali, promettendo ai precari la regolarizzazione, ma i conti non tornano e le possibilità economiche dello stato non permettono le assunzioni. Probabilmente, dato che lo Stato italiano non ha mai versato realmente i contributi all’Inps per i dipendenti pubblici ma li ha solo classificati come “scambio di foglietti fra due enti pubblici”, al momento di mandare in pensione gli insegnanti l’inps avrà delle grosse difficoltà a trovare il finanziamento. NOn avrà infatti  fondi a sufficienza per garantire le pensioni private e quelle pubbliche. Assumerne degli altri insegnanti e mandare in pensione quelli in servizio è un’operazione matematicamente impossibile per il governo Renzi.

Anche secondo la Lega Nord, Matteo Renzi ha raccontato delle balle colossali. Le dichiarazioni inviate alla stampa da parte del  capogruppo della Lega Nord al Senato Gian Marco Centinaio ne sono la conferma. ” Renzi ha promesso assunzioni di massa nel comparto scuola, dando a migliaia di precari la speranza del posto fisso. Peccato li abbia solo illusi. Questi lavoratori si sono purtroppo trovati con un pugno di mosche in mano come accade sempre con le pseudo riforme di questo governo. Grazie al premier-segretario, il Pd ha perso una grossa fetta del proprio elettorato. Tra i primi a capire le balle di Renzi ci sono proprio gli insegnanti che si stanno giustamente rivoltando contro il governo e sono in mobilitazione permanente”.

E il Pd? La sensazione che le scelte di Renzi siano state mal digerite dalla base degli elettori del partito democratico è presente. Anche fra loro ci sono esodati e tanti dipendenti pubblici, specialmente tanti insegnanti che sono in mobilitazione contro il governo.

Ilaria Maria Preti
About Ilaria Maria Preti 2209 Articles
Sono per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.

Be the first to comment

Rispondi