La ricetta milanese della minestra di riso e verze

La ricetta milanese del riso e verze

La ricetta milanese del riso e verzeQuesta è una delle minestre più tipiche di Milano e provincia, la verza era onnipresente dal momento che se ne coltivavano molte perché durava nel tempo. Era servita prevalentemente alla sera. Se avanzavano delle croste di formaggio grana si tagliavano a pezzetti e si aggiungevano alla minestra per insaporirla ulteriormente.

Minestra di riso e verze
Ingredienti :
riso per minestra gr. 200
lardo gr. 50
burro gr. 40
una piccola verza – 1/2 cipolla tritata – prezzemolo tritato – grana padano grattugiato – brodo di carne (ma anche vegetale) – sale – pepe.
Mondare la verza, lavarla indi sbollentarla in acqua salata per pochi minuti; scolarla, tagliarla a grossi pezzi. In una pentola capiente mettere il burro e il lardo tritato con una manciatina di prezzemolo, la cipolla tritata fine, far rosolare poi unire le verze e coprire con circa 2 litri di brodo bollente. Quando riprende il bollore gettarvi il riso a pioggia, mescolare, aggiustare di sale e pepe e portare il riso a cottura. Servire spolverando la minestra con grana grattugiato.

Daniela Mari Griner
About Daniela Mari Griner 57 Articles
Daniela Mari Griner è nata a Milano ma vive da sempre a Casorezzo. Si è sempre interessata di cucina, milanese e lombarda in particolare, grazie alle nonne, al nonno materno e ai genitori, mamma cuoca sopraffina e papà ottimo assaggiatore. Finito il liceo classico e iniziata l’Università, abbandona questa per dedicarsi alla sua passione, la cucina appunto, e ha la grande fortuna di venire assunta come redattrice nella più prestigiosa rivista di cucina “La Cucina Italiana”, allora sotto la guida delle mitiche sorelle Gosetti. Qui partecipa alla stesura delle ricette, sia innovative sia tradizionali, alla ricerca delle radici delle stesse e sviluppa la sua conoscenza della cucina di Milano e del territorio circostante, conoscenza e ricerca che proseguono anche dopo aver lasciato la rivista e che continuano nel tempo sino ai giorni nostri

Be the first to comment

Rispondi