Cosa non pubblicare su Facebook, se si vuol restare liberi

FCosa non pubblicare su Facebookacciamo un elenco di cosa non pubblicare su Facebook. Un elenco scherzoso, ma che deve far riflettere. Partendo dall’attualità si può dire che a un rapinatore non conviene pubblicare un selfie scattato subito dopo una rapina. Infatti nella rassegna stampa di questa settimana sono presenti ben tre arresti avvenuti in seguito alla pubblicazione di selfie da parte dei rapinatori o di ladri. Un borseggiatore è stato catturato perchè si è scattato un selfie con lo smartphone della vittima dell’ultimo scippo: un’attrice. Tramite un’app attiva, il suo selfie si è autopubblicato immediatamente sul profilo Facebook della stessa ed è stato visto dai suoi fan, mentre l’app di posizionamento di Facebook, quella carinissima funzione del “dove sei”, dava la sua posizione. Lo scippatore troppo social è stato catturato dalle forze dell’ordine prima ancora di aver finito di scattare foto.

Confessioni via Facebook

Altra involontaria confessione via Facebook è stata quella di una ladra di abiti che aveva appena derubato una boutique. Ha pubblicato sul suo profilo Facebook  un selfie con indosso il costosissimo abito firmato appena prelevato dal negozio. Anche in questo caso la app per il posizionamento è stata utilissima.

Infine è stato catturato uno spacciatore che aveva pubblicato su Facebook un selfie che lo ritraeva sdraiato in mezzo a tanti bei bigliettoni da cento euro. La foto su Facebook è servita alle forze dell’ordine anche per ottenere un riconoscimento da un testimone, dopo di che hanno ritrovato lo spacciatore seguendone gli spostamenti tramite la connessione internet dello smartphone.

Se invece di essere un rapinatore sei una potenziale vittima, sarebbe meglio evitare di pubblicare su Facebook, il luogo e il periodo di vacanza e gli orari in cui si è assenti da casa. Bisognerebbe anche evitare di farsi un selfie davanti alla propria cassaforte.

I pizzini del ladro contro Facebook

Una cosa che un ladro di automobili non avrebbe mai voluto veder pubblicato su Facebook è il filmato della telecamera di sorveglianza che lo riprendeva mentre compiva il furto di un’automobile. Il proprietario dell’auto, un imprenditore di Capriate,  lo ha pubblicato su Facebook e il video ha avuto migliaia di condivisioni. Il video e la faccia del ladro sono diventate così virali che il ladro ha restituito la macchina al legittimo proprietario, insieme ad un bigliettino di carta. “Non te la prendere. ho fatto solo un giro. Ora togli giù tutto. Grazie”. Se ci si metteva, poteva pubblicarlo anceh su facebook. Le forze dell’ordine avevano avuto tutto il tempo di  riconoscere il ladro , insieme a molte altre persone che non dimenticheranno la sua faccia, e di arrestarlo.

Ilaria Maria Preti
About Ilaria Maria Preti 2204 Articles
Sono per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.

Be the first to comment

Rispondi

Leggi anche