A Castano Primo il Controllo di vicinato: e’ caos

A Castano Primo il Controllo del vicinato: è caos comunicativoLa serata di presentazione del controllo di vicinato sarà venerdì 20 marzo alle ore 21 in Villa Rusconi, Castano Primo. Progetto già nato sotto una cattiva stella, poiché ci fu già una un’altra presentazione prima del Natale passato e praticamente disertata dalla cittadinanza. Sarà stata l’insufficiente comunicazione, sarà stato il freddo, non si sa. Fatto sta che l’Amministrazione comunale di Castano non si è persa d’animo e ci riprova una seconda volta.

Sarà quella buona? Staremo a vedere, ma nel frattempo non si può non notare che attorno a questa iniziativa vi è un enorme polemica riguardo, ancora una volta, alla comunicazione, focalizzata però sulla collaborazione.

Poca comunicazione sulla riunione del controllo di vicinato

Infatti qualche giorno fa è arrivata la denuncia da parte della Lega Nord castanese, la quale ha lamentato che l’Amministrazione comunale, nonostante vada in giro a sbandierare che c’è bisogno di collaborazione nel nome della comunità, abbia nettamente evitato di coinvolgere anche i gruppi d’opposizione. Secondo il Carroccio questa scelta è dettata dal fatto che il Sindaco voglia prendersi la paternità del “Controllo del vicinato” e, qualora la serata di presentazione dovesse avere successo sarà per merito suo, nel caso in cui arrivasse il secondo flop, allora la colpa di tale insuccesso dovrà essere ricercata non tra i banchi della maggioranza consiliare.

Quindi, per riassumere. Il Sindaco organizza la serata sulla sicurezza e si dimentica di invitare i Consiglieri comunali, così secondo la Lega Nord. Il primo cittadino replica smentendo tale voce. Chi avrà ragione?

Ci troviamo davanti ad una Lega polemica o collaborativa? Il Sindaco è di parte o è il Sindaco di tutti? Sembrerebbe che egli voglia il “flop” per non fare nulla, accusando così i cittadini che sollecitano il problema di creare allarmismo. Il problema esiste? Chi ci gioca dentro? Dopo l’incontro di venerdì avremo le risposte.

Giorgio Sperelli
Chi sono Giorgio Sperelli 11 articoli

Abito a Castano Primo da qualche anno. Sono fuggito dal caos e dall’insicurezza della grande città per cercare la tranquillità. Non voglio più scappare. Adesso, scappino gli altri.