Identificato l’uomo trovato morto sull’autostrada ad Arluno

Identificato l'uomo trovato morto sull'autostrada ad Arluno. Era malato di AlzheimerQuesta mattina, il 4 febbraio, è stato ritrovato il cadavere di un uomo all’altezza di un cantiere dell’autostrada Milano Torino, all’altezza del casello di Arluno (Mi). L’uomo è stato identificato nelle prime ore del pomeriggio dai carabinieri e dalla squadra scientifica della Polizia: si tratta di Franco Viti, di 75 anni, malato di Alzheimer. Era uscito di casa ieri, martedì, dopo aver detto al figlio che andava a comprare dei Gratta e vinci. Deve aver quindi perso l’orientamento e non è più riuscito a tornare a casa. Può essere che si sia avvicinato al cantiere vedendo le luci dell’autostrada.  E’ probabile che l’uomo sia poi stato vittima del forte freddo di questa notte, ma le certezze si avranno dopo gli accertamenti che son ancora in corso. Il suo corpo non presentava ferite evidenti.

Una storia triste e dolorosa specialmente per i familiari, verso cui deve essere dimostrata tutta la solidarietà possibile, perchè spesso sono  impotenti di fronte a queste malattie. Sulla vicenda  si hanno solo queste poche informazioni. Dalle forze dell’ordine c’è riserbo. com’è giusto che sia.  (Fonte: ilgiorno.it)

Ilaria Maria Preti
About Ilaria Maria Preti 2204 Articles
Sono per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.

Be the first to comment

Rispondi

Leggi anche