Ritratti, olio su tela: Giorgio Napolitano e il volto felpato del potere

Giorgio Napolitano e il volto felpato del potereSe il mandato presidenziale del democristiano Antonio Segni è stato il più breve della storia repubblicana, essendo durato appena due anni dal 1962 al 1964, quello di Giorgio Napolitano è stato il più lungo: dal 2006 al 2015. Cosa abbia fatto di meritevole per essere riconfermato (nel 2013) sfugge anche perchè il mistero non è mai stato svelato; del resto, di ombre è piena la sua storia.

Visto da Destra

I leghisti ne avranno imperitura memoria perchè, quando era ministro dell’interno, fu perquisita la casa madre della Lega Nord in via Bellerio a Milano, presenti sul posto i principali leader politici leghisti del tempo. Ma, sempre in casa Lega, ne hanno un pessimo ricordo pure perchè all’ex Re Giorgio è attribuibile la prima norma colabrodo sull’immigrazione: la cosidetta Legge Turco-Napolitano che era, in sostanza, un lasciapassare universale. Pure a destra non dovrebbero esserne entusiasti, poichè è sempre stato dall’altra parte della barricata, militante e dirigente storico dell’ex Partito Comunista Italiano.

Una vita nel PCI

Napolitano entrò presto, a soli 31 anni, nel comitato centrale del Pci nel corso dell’VIII congresso di partito, in un’assise vinta dal leader storico Palmiro Togliatti; sei anni dopo, nel 1962, entrerà nella direzione con Nilde Jotti, Ugo Pecchioli e soprattutto Enrico Berlinguer; fu poi braccio destro di Luigi Longo, nome forse meno ricordato ma che fu guida del Pci nella seconda metà degli anni ’60, fautore di una linea politica ispirata alla riunificazione delle forze socialiste in un unico partito dei lavoratori, alleato di uno schieramento unitario delle forze democratiche e popolari: praticamente, un Ulivo ante litteram.

Senza dare nell’occhio

Sapeva muoversi bene, il Giorgio nazionale, e a inizio degli anni ’80 guidava il gruppo Pci alla Camera e da qui si prese, seppur non direttamente, il quotidiano di partito, L’Unità: non deve sfuggire che in quegli anni gli organi di partito, oltre a essere letti, influenzavano parecchio la vita politica interna. Andò che nel febbraio 1982 il quotidiano fondato da Gramsci sostenne che il ministro Scotti avesse trattato con Raffaele Cutolo, capo della camorra, per la liberazione dell’assessore regionale Dc della Campania Ciro Cirillo; Scotti smentì e le fonti dell’Unità si rivelarono false. Fu Napolitano, alla Camera, a porgere formali scuse a Scotti ma pochi giorni dopo il ministro Rognoni ammise il pagamento del riscatto, versato al leader delle Brigate Rosse Senzani e furono rivelati contatti tenuti proprio da esponenti democristiani con Cutolo nel carcere di Ascoli Piceno; nel frattempo però il direttore dell’Unità Claudio Petruccioli si era rimesso e al suo posto arrivò un amico storico di Re Giorgio: Emanuele Macaluso.

Napolitano teneva i contatti dentro il partito e seguiva attentamente i fatti esterni, intuendone le ripercussioni interne al Pci e trovando sempre la strada giusta nella quale muoversi. A volte rischiò come quando, nel 1984, da capogruppo orientò l’astensione dei 154 deputati Pci nella votazione sulla mozione di sfiducia al potentissimo ministro degli esteri Giulio Andreotti, accusato di avere protetto e aiutato il faccendiere Michele Sindona; poichè l’astensione del Pci fu determinante nel salvataggio di Andreotti, la cosa non passò inosservata a sinistra ma il nostro seppe resistere e neppure questo passò inosservato agli occhi del “nemico”.

Un altro episodio, tra i tanti, emblematico della vita politica di Napolitico è la sua elezione alla guida della Camera dei deputati, il 3 giugno 1992, dove sbaragliò la concorrenza interna di Stefano Rodotà, il quale per polemica si dimise da presidente del Pds.

Vincere ma non convincere

E’ chiaramente impossibile ricostruire in poche righe l’attività politica di un uomo che è praticamente alla guida del Paese da 60 anni ma dai pochi spunti offerti credo emergano alcuni corsi e ricorsi storici: con Rodotà, che da candidato dei 5Stelle fu ancora “sfidante” di Napolitano nelle elezioni presidenziali del 2013 (trombato anche lì: ora potrà mettersi il cuore in pace) e con il pagamento di riscatti nei sequestri, anche se nel 2015 la “contropartita” (come l’ha definita ufficialmente il Copasir) è stata data in Siria a favore di riscatti di natura diversa rispetto a quella del Dc Cirillo.
La costante fissa di Napolitano è la capacità di tenere i rapporti, di seguire gli eventi, leggerli, interpretarli e solo raramente condizionarli; per essere sempre, però, dalla parte giusta per ottenerne vantaggio e senza mai essere così ingenuo da spiegare come ha fatto ma, anzi, spesso si ritrova eletto senza che neppure i suoi elettori riescano a spiegarsi come abbia fatto.

Roberto Colombo
Chi sono Roberto Colombo 36 articoli
Opinionista.