Nel 2015 la burocrazia blocca un disabile in casa

Nel 2015 a Corsico c'è ancora chi non può uscire di casa a causa della burocraziaOggi uno dei miei più cari amici, Sandro, mi ha scritto un messaggio su Facebook. E’ esasperato a causa della burocrazia ed ha ragione. Prima di farvi leggere cosa mi ha scritto Sandro, devo dirvi chi è. Io, Sandro e altri amici abbiamo avuto insieme una adolescenza esaltante, piena di avventure folli, come quella di prendere di corsa la metropolitana di Milano spingendo la sua sedia a rotelle, correndo giù per le scale. Allora, 30 anni fa, non c’erano gli ascensori nei Metrò, ma noi non aspettavamo che la burocrazia si svegliasse, per organizzarci. Il più coraggioso e folle era Sandro, che si fidava a salire sulle spalle di uno dei ragazzi, mentre noi donne, esperte a correre, in equilibrio sui tacchi alti, giù dalle rampe delle scale, trasportavamo la sua sedia a rotelle. Il tutto per poter andare al cinema o a mangiare una pizza insieme. Il tempo è passato, siamo invecchiati tutti, ora nei Metrò di Milano gli ascensori funzionano (quasi sempre) e pensare che, ancora adesso, dopo 30 anni, un disabile debba ancora avere dei problemi con le barriere architettoniche e la burocrazia, è sconfortante. Sandro abita al primo piano in un grande quartiere di case popolari, con tantissimi e alti palazzi.

Eccovi ora il messaggio Facebook di Sandro: “Ciao Ilaria, tutto ok? Spero di si. Posso chiederti una cosa? Mi hanno dato la nuova carrozzina elettrica ma non posso usarla perché pesa 80 kg ed è impossibile portarla giù e su per le scale. Ho chiesto all’ ASL lo scoiattolo (è una particolare carrozzina elettrica per fare le scale) e m’hanno risposto ke non c’è spazio ma al 34 o al 36( numeri civici dei palazzi) l’hanno fatto. Ho chiesto il montacarichi, m’hanno detto di rivolgermi all’ Aler. L’Aler m’ha mandato dall’amministratore condominiale il quale mi risponde ke lui può solo dare il consenso ma i lavori spettano all’ Aler. In pratica stanno facendo lo scarica barile come al solito quando kiedo qualcosa io. Ke devo fare? Ho una carrozzina da 6000 € (circa 12 milioni di vecchie lire) ke NON POSSO USARE, ti sembra giusto? Gli invalidi falsi come oggi chiedono domani hanno, gli invalidi veri come me devono fare i salti mortali. Fammi sapere se sai ke posso fare.”

Che cosa posso fare? Intanto inizio a scrivere la sua storia, perchè domani è sabato e anche se mi attacco al telefono non trovo nessuno, ma da lunedì comincio a rompere l’anima a tutti quelli che conosco per permettere a Sandro di usare la sua carrozzina e uscire di casa in autonomia.
Cercate di capirci, a vent’anni ci si poteva caricare un amico sulle spalle per andare a fare un giro, ma a 50 anni la schiena non ce la fa più.

Ilaria Maria Preti
Chi sono Ilaria Maria Preti 2241 articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.

Commenti e Diritto di replica

Rispondi