Charlie Hebdo: il feroce attacco islamico all’umorismo, visto da qua

charlie hebdo: vignetta di starletIl fatto: il giorno di Natale, quello festeggiato a Gerusalemme con il calendario Giuliano, il 7 gennaio, la redazione del giornale satirico Charlie Hebdo è stata assaltata da due terroristi islamici che al grido di “vendichiamo il profeta” hanno ucciso a colpi di Khalashnikov 12 persone tra giornalisti e disegnatori. Fra gli uccisi ci sono anche due mussulmani che lavoravano per Charlie Hebdo. L’emergenza non è ancora finita. Altro sangue innocente è stato versato e i terroristi islamici non sono ancora stati catturati. Siamo quindi in piena emergenza ma sono anche già iniziate le solite diatribe fra chi cerca di salvare la faccia all’islam  e chi non teme di dire che si tratta proprio di terrorismo islamico e  rimane piuttosto sconcertato (come me) davanti ad affermazioni come quella “l’Islam non c’entra con questo attacco terroristico”.

Di fronte a tutti i morti che si sono stati, fra cui per l’appunto alcune persone di religione islamica di cui i terroristi non hanno avuto nessuna pietà, confermando cosìche si tratta proprio di terrorismo islamico, effettuato contro il modo di vivere e pensare occidentale, che colpisce anche le persone di religione islamica che si convertono alla visione occidentale del mondo e riescono a trovare una mediazione tra la loro religione e il modo di vivere europeo, non si può dimenticare che il motivo dell’attacco è stata la voglia, qualche volta un po’ dissacrante ma certamente non pericolosa, di ridere.

Un attacco predeterminato, organizzato, per colpire l’allegria e l’umorismo della nostra società. Si può ridere su qualunque cosa, si può sorridere di qualunque cosa: l’umorismo è uno dei valori sacri della libertà e ne è esempio la sottile vignetta di Starlet (Stella Mei) che è una collega dei disegnatori uccisi. Si, Stella è una disegnatrice satirica. Starlet, con altri disegnatori di satira, sta già pensando ad un libro di vignette satiriche, in risposta a quanto successo a Parigi.

Oggi diciamo “Siamo tutti Charlie Hebdo” perchè non vogliamo ci sia impedito di ridere e di essere allegri e anche di disegnare, rappresentare e prendere un po’ in giro le cose che ci fanno ridere. Fa impressione che vi sia chi invece non si sente di solidarizzare con la testata giornalistica francese perchè  pensa che  se la siano un po’ cercata, pubblicando vignette che prendono in giro il Maometto. Dicono che con l’islam bisogna usare diplomazia. Ehm, vorrei far notare che l’islam invece usa i kalashnikov. Un po’ impari come armamento. La diplomazia è la stessa arma che ha tentato di utilizzare il povero poliziotto Ahmed, ucciso dai terroristi islamici nella redazione di Charlie Hebdo. A terra, aveva diplomaticamente chiesto al suo  assalitore: ” ma vuoi proprio uccidermi?” e, prima di sparargli un colpo di grazia alla testa, il terrorista islamico pare aver dato una risposta da valigia diplomatica: “si”.

Culture digitali

E, a proposito di satira e ironia, e di piccole punzecchiature ben assestate: oggi su Settegiorni leggiamo che Gilberto Rossi si complimenta con l’ammistrazione comunale di Ossona che  ha fatto cancellare le scritte che erano apparse sui muri dell’incrocio di via Rimembranze, quel famoso No islam  No Rom che somigliava tanto a un No Islam No Party.  Rassicuratevi! Settegiorni ha chiuso la pagina di Ossona mercoledì e l’articolo è stato scritto prima che avvenisse la strage di Charlie Hebdo, a Parigi.

Ilaria Maria Preti
Autore Ilaria Maria Preti2223 Articoli
Sono per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.

Rispondi