Barack Obama: l’ultimo Miglio dell’Anatra Zoppa

Barack Obama: l'ultimo Miglio dell'Anatra ZoppaIl presidente degli Stati Uniti non ha la maggioranza al Senato ma soprattutto non ha realizzato le promesse.
Nel libro “L’audacia della speranza” (ed. Rizzoli, 2007) il presidente democratico degli Stati Uniti d’America Barack Obama espone una linea politica che prevede una notevole presenza dello Stato nella vita dei cittadini: secondo Obama lo Stato deve salvaguardare la copertura previdenziale, garantire a tutti la sanità, tutelare la persona nel momento della disoccupazione, creare ammortizzatori sociali per le fasce deboli o per chi è in difficoltà; per Obama non è tabù parlare di dazi che difendano l’economia interna dall’assalto dei prodotti esteri, inoltre si pone il problema delle imprese che delocalizzano, chiudendo gli stabilimenti americani e lasciando sul posto solo gli uffici amministrativi e contabili; per non parlare dell’immigrazione che viene vista come una tra le principali cause della diminuzione dei salari americani (gli immigrati sono manodopera a basso prezzo) e cita un disegno di legge che presentò per dare la precedenza ai residenti nelle assunzioni non solo per i posti di lavoro pubblici ma anche per quelli privati. Teorie estranee a un rappresentante dell’America simbolo del capitalismo; teorie che Obama ha cercato di realizzare nei suoi mandati presidenziali.

Il Flop della Riforma Sanitaria

Queste teorie si sono scontrate con una concezione tipicamente americana che non vuole politiche sociali di Stato: un esempio quando, in prima battuta, il Senato americano ha bocciato la proposta di un sistema di sanità pubblica, voluta dal presidente e osteggiata dai repubblicani e da parte dei democratici. La visione di Obama, lo Stato che dà diritti e servizi a tutti i cittadini, è simile alla concezione dello Stato che c’è in Europa e in special modo in Italia, ma si scontra con la concezione dello Stato che c’è in America in base alla quale garantire un diritto a tutti è come non garantirlo a nessuno: inutile garantire a tutti cure mediche quando non ci sono posti letto a sufficienza negli ospedali; pensioni per tutti quando non ci sono soldi per coprire la spesa; pavoneggiare il ritorno del posto fisso quando ci sono gli extracomunitari che costituiscono manodopera a basso costo; garantire l’ordine pubblico quando non ci sono poliziotti per corriere dietro a ogni delinquente.

Game Over Obama

Nei due mandati di Obama, l’America è stata davanti al bivio: sostenere chi non ce la fa economicamente, dando diritti a tutti; oppure ognuno deve vedersela privatamente. La risposta Usa non arriverà perchè, ora che i Democratici hanno perso la maggioranza al Senato, avranno altro a cui pensare piuttosto che spingere su riforme come quella sanitaria che, almeno all’inizio, non ha entusiasmato gli americani, perlomeno non quelli che avevano già il servizio sanitario garantito e che non hanno avuto benefici diretti, ma semmai il contrario, dalla riforma.

Roberto Colombo
Autore Roberto Colombo35 Articoli
Opinionista.

Commenti e diritto di replica

Rispondi