Attenti al colore delle bollette dell’Enel: non ditelo a nessuno

ladro

Una nuova truffa è diventata una specie di moda in questi giorni. a zona più colpita sembra Canegrate, ma anche in Altri Comuni dell’Altomilanese si sono verificati diversi casi.

Alcuni personaggi, spesso in divisa, suonano il campanello o il citofono delle case in cui si pensa vivano degli anziani o comunque delle persone un po’ distratte e chiedono di poter controllare il colore della bolletta dell’Enel. Nessuno pensa che la bolletta è semplicemente un foglio di carta bianco e se i personaggi in questione dicono di controllare se per caso non è gallo paglierino o rossa o nera. per quanto la cosa possa sembrare ridicola, sono molte le persone che aprono la porta d casa e vanno a controllare di che colore è l’ultima bolletta ricevuto. Tutti pensano ad una possibile truffa legata alla bolletta e non si accorgono che in realtà si tratta di ladri che arraffano quanto possono e, se li si tiene d’occhio in ogni caso registrano tutte le informazioni necessarie ad una seconda visita, questa volta effettuata con scasso. Il quadro di fondo può anche cambiare: oltre alla bolletta dell’Enel colorata, i truffatori parlano di quella del telefono piuttosto che di un controllo generalizzato delle bollette di acque e riscaldamento.

Il consiglio da dare in questi casi è sempre lo stesso: Enel non manda in giro nessun impiegato a controllare le bollette. Non lo fanno neppure le altre aziende, quindi chi cerca di entrare in casa usando questi mezzi lo fa perchè ha altri scopi: le vittime preferite sono gli anziani, che tendono a fidarsi delle persone che si presentano bene e sono gentili, però non bisogna dimenticarsi che in un momento magari di debolezza o di distrazione persino le persone più sgamate possono cadere in un qualche tipo di truffa.

Alessandra Gornati
Alessandra Gornati 117 Articoli
Mi piace leggere, mi piace scrivere, ma amo la privacy. Vivo in un piccolo Comune, e questo mi condiziona. Si potrebbe dire che amo parlare di quello che capita agli altri, ma se parlano di me, mi sembra di mettermi in mostra e sono in imbarazzo. Pensa a me come ad una donna timida e invisibile, senza misteri ma molto ricca nell'anima. Quello che do al mondo, lo do con le mie parole.

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi