Il salto della quaglia di Gilberto Rossi: si prepara all’assessorato

Il Consiglio comunale del 26 novembre a Ossona ha prospettato un possibile cambio di alleanze in giunta dovuto alle vicende politiche della Lega Nord e il consigliere comunale di Cambiando Ossona, Gilberto Rossi (Gibo),  la cui lista di persone si è dileguata subito dopo le elezioni amministrative, sta, con tutta probabilità, preparandosi al salto della quaglia.

Il salto della quaglia di Gilberto Rossi: dall'opposizione si prepara all'assessoratoUn vero balzo, a dire il vero: dall’opposizione passerebbe direttamente ad un assessorato. A dimostrazione di quanto si mormora in paese c’è la debolissima opposizione che ha perpetrato in consiglio comunale, fatta esclusivamente di astensioni e di dichiarazioni dai voli pindarici, nonchè dalla presentazione e accettazione di un ordine del giorno, il famoso OdG, che nel regolamento del consiglio comunale di Ossona, e di tutti i consigli comunali dei Comuni al di sotto dei 15mila abitanti, non esiste.
L’ODG di Gilberto Rossi non è su uno dei tanti problemi che gravano Ossona, ma era sulla possibilità di chiedere a Giuliano Pisapia, sindaco di Milano, e  sindaco della città metropolitana, di riportare nello statuto della città stessa l’elezione del consiglio al voto da parte dei cittadini. Tale proposta era nel programma di un’unica lista elettorale per la città metropolitana di Milano: la lista Città di Comuni, cui ha aderito la maggioranza consigliare della lista Incontro che la ha sostenuta ufficialmente, mandando anche nelle case un volantino che lo diceva a chiare lettere.

La presentazione e la votazione di questo ODG fa comprendere bene quale tipo di strategia stia preparando la maggioranza di Incontro a Ossona. Infatti le ultime elezioni interne della Lega Nord di Ossona, hanno visto l’elezione nel direttivo di sezione della leghista storica Ilaria Maria Preti, che come è sempre stata completamente e fermamente contraria sia con l’alleanza effettuata con la lista Incontro, sia con la mancanza del simbolo nella lista elettorale, sia con il programma presentato e privo di punti presentati dalla Lega Nord .
Ora la giunta di Incontro ha un grosso problema: quello delle ingerenze che Ilaria maria Preti può di diritto avere con le scelte dell’amministrazione e il voto di Monica Porrati, in giunta e in consiglio comunale. Incontro avrebbe pensato di risolvere la cosa sostituendo Monica Porrati con Gilberto Rossi, dandogli un incarico in giunta al posto della Lega Nord e determinando così un cambio di maggioranza in corsa. Non si sa bene come Incontro se la caverà con la gestione dell’equilibrio delle quote rosa, per cui le donne in giunta devono essere almeno la metà. La battuta terribile che viene in mente naturalmente e che, sottolineo, è una battuta ironica e scherzosa, è che forse pensano di appellarsi ai lunghi capelli biondo cenere di Gilberto Rossi per imbrogliare i deputati al controllo del rispetto delle regole. Più probabilmente, e seriamente, vi sarà un rimpasto globale di tutte le cariche di assessore.

La questione può decisamente preoccupare Ossona, perchè Gibo Gilberto Rossi ha chiesto di fare un’anagrafe del cemento in cui indicare tutti gli edifici vuoti e non affittati di Ossona, comprendendo, ovviamente, anche gli appartamenti e le case coloniche. Considerando la compagine politica cui appartiene Gibo, che è estremamente favorevole alle occupazioni, che siano case o centri sociali, direi che una sua entrata in giunta a Ossona come assessore farà tremare molti proprietari di appartamenti, magari ereditati dai nonni. Vista poi la sua propensione alla difesa degli zingari, la sua seconda azione, dopo quella dell’istituzione dell’anagrafe degli appartamenti sfitti, potrebbe essere quella di assegnare, tramite occupazione, le case sfitte ai rom che infestano l’Est Ticino. Auguri, Ossona. (Fonte foto: screenshot da Facebook)

Anna Alice
Chi sono Anna Alice 128 articoli

Ogni persona ha una vita normale e una vita di fantasia, di pensieri e di sogni. Sono una impiegata, una contabile. Ho a che fare ogni giorno con i numeri, e raccontare il mondo con le parole è il mio modo di fuggirne.