Salvini e la Lega Nord stravincono in Emilia Romagna, ma l’astensione e’ trasparente

Salvini e la Lega Nord stravincono in Emilia Romagna, ma l'astensione è trasparenteLe elezioni Regionali in Emilia Romagna sono state la capitolazione della democrazia. E’ proprio come se la speranza avesse alzato bandiera bianca della resa ” Mi Arrendo” han gridato i cittadini dell’Emilia Romagna. Dopo decenni di passionalità, di lotte fra rosso, nero e bianco, hanno scelto il trasparente. Trasparente come quella stragrande maggioranza di persone che non sono andate a votare, cioè il 63% della popolazione. Bonaccini, del PD  vince  ma con dei numeri ridicoli. Comunque Bonaccini ha avuto un risultato elettorale migliore di quello di Renzi, che come capo del governo non è mai stato votato da nessuno.  C’è da dire che gli Emiliani e i Romagnoli non hanno scelto neppure il verde della Lega Nord, che forse gli ricordava troppo la speranza che non hanno più.

Certamente Matteo Salvini e i leghisti emiliani se la sono cavata più che bene, direi anzi ottimamente. Sperare in una vittoria dove la Lega Nord non è mai riuscita a ottenere grandi risultati se non localmente, con i sindaci, non era possibile. Le vittorie politiche non sono risultati che si ottengono in un paio di mesi di campagna elettorale,  specialmente in questo periodo, ma il risultato ottenuto dalla lega Nord è mirabile. Storico, per dirla con il segretario della Lega Nord Matteo Salvini. Il 20% di quel 37% che è andato a votare ha dato fiducia alla Lega Nord, solo l’8% ha votato Forza Italia. Da un punto di vista popolare i fatti non cambiano: la gente non è comunque andata a votare. Però l’opposizione ora è nelle mani della Lega Nord, dell’ entusiasmo e dell’impegno di Alan Fabbri e del suo gruppo. Insomma, la Lega Nord ha oggi i numeri per essere davvero determinante nella governo della Regione Emilia Romagna. Il risultato dell’impegno che comincerà a metterci da oggi lo raccoglieranno fra 5 anni. Forse prima, chissà.
I giornali hanno spostato l’attenzione sul fatto che la Lega nord ha più che doppiato i risultati avuti da Forza Italia e che di fatto queste elezioni mettono il centrodestra nelle mani di Matteo Salvini, che in questo modo diventa il punto di riferimento dei partiti e gruppi politici dell’alleanza storica di centro destra. La cosa ovviamente non piace ai forzisti lombardi, ma è così. In realtà il successo della Lega Nord non è determinato dall’aver preso più voti all’interno della coalizione. L’aver preso voti è l’effetto, non la causa. La causa è la fiducia che le persone raccolgono dalla popolazione e oggi, per ottenere la fiducia della gente, bisogna dare molto.

Ilaria Maria Preti
Autore Ilaria Maria Preti2223 Articoli
Sono per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.

Commenti e diritto di replica

Rispondi