Catalogna, lunghe code ai seggi per votare per l’indipendenza

Catalogna, lunghe code davanti ai seggi per votare per l'indipendezaPer tutta la giornata ci sono state lunghe code di cittadini davanti alle 1.317 localit che ospitano i  6.695 seggi elettorali sparsi in tutta la Catalogna. I seggi sono in 942 dei 947 comuni della Catalogna. Erano i catalani che attendevano il loro turno per votare per l’indipendenza della Catalogna. Il risultato delle urne allestite nei locali forniti da Comuni della Catalogna si saprà solo domani, ma non è difficile capire che i no all’indipendenza saranno uno sparutissimo mucchietto di foglietti, rispetto alla montagna di Si all’indipendenza che sommergeranno i seggi elettorali. La Spagna naturalmente non riconosce la validità del referendum, lo definisce simbolico, ed è quanto dicono i telegiornali italiani e l’organizzazione stessa del referendum è stata effettuata dai volontari di vari comitati elettorali,  ma è ben difficile stabilire che il voto libero di quasi 5 milioni di persone, che vanno a votare insieme al loro capo di governo, Arthur Mas, possa essere considerato simbolico.

Se anche fosse andata a votare la metà dei Catalani, sarebbe sufficente. Simbolica era la presa del Campanile a Venezia nel 1996, simbolica può essere una manifestazione di poche decine di centinaia di persone. Ma il voto di milioni di persone non è simbolico, è reale e non può essere ignorato anche se non ha effetti giuridici. Perlomeno, non è ignorato nei paesi democratici. Nella giornata non ci sono stati incidenti di rilievo, l’atmosfera è quella di una festa,  a parte alcuni tentativi di boicottaggio da parte di gruppi di nazionalisti spagnoli che hanno anche presentato una serie di denunce chiedendo di arrestare dei membri del governo. Inoltre, la Procura pubblica, all’incirca l’equivalente dei nostri prefetti e che è fedele  al governo spagnolo ha chiesto alla polizia catalana di identificare i volontari che hanno aperto le sedi in cui si sarebbe votato, ma il governo catalano ha rifiutato di dare l’ordine  nello stesso modo in cui hanno autorizzato i volontari ad accedere ai locali pubblici. Le urne si trovano infatti nelle scuole superiori, che sono gestite direttamente dal governo catalano, oppure nelle palazzi comunali delle piccole città e dei villaggi. Le operazioni di voto sono gestite da 40.930 volontari ma il governo catalano sostiene attivamente  il processo di voto.

Altri tentativi di boicottaggio del voto per l’indipendenza della Catalogna da parte della Spagna hanno riguardato un attacco informatico al sito internet del Governo Catalano e al call center delle associazioni civili di volontari che si sono occupati dell’organizzazione. Anche l’Associazione dei Comuni per l’indipendenza (AMI) ha riferito di aver avuto un attacco simile. In alcuni Comuni, poi, questa mattina i volontari hanno trovato le serrature piene di silicone e le porte coperte di scritte anti indipendenza. Sono comunque riusciti ad aprirle in orario per iniziare le operazioni di voto. Il delegato del governo spagnolo in Catalogna, María de los Llanos de Luna, ha inviato una lettera a tutti i direttori delle scuole superiori e agli ufficiali  di governo, per ricordare loro la sospensione del referendum da parte della Corte Costituzionale e per metterli in guardia su possibili conseguenze legali se avessero collaborato e venerdì il vice primo ministro spagnolo, Soraya Sáenz de Santamaría ha fatto una cosa simile: ha parlato di possibile conseguenze legali ne confronti dei dipendenti pubblici e dei sindaci, anche se non ha specificato quali potrebbero essere. Nonostante tutto, però, i catalani hanno votato in massa e domani mattina sapremo qunati di loro voglio essere indipendenti da Madrid.

Ilaria Maria Preti
Chi sono Ilaria Maria Preti 2277 articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.