I giovani del Ticino a sostegno delle Catalogna indipendente

I giovani del Ticino a sostegno delle Catalogna indipendenteMan mano che si avvicina il giorno del referendum per l’indipendenza che avrà luogo domenica 9 novembre in Catalogna, crescono entusiasmo e aspettative anche fra gli indipendentisti lombardi. Gli aderenti del Movimento Giovani Padani andranno a passare il prossimo week end a Barcellona, capitale della regione che attualmente gode di una parte di autonomia ma è ancora sottoposta al governo centrale spagnolo di Madrid, da cui vuole liberarsi.
Per il viaggio, i ragazzi si sono preparati con striscioni, bandiere e tantissima gioia. La consapevolezza di essere una parte della storia della nuova Europa dei Popoli li anima e li spinge a sostenere il referendum della Catalogna, sapendo che il prossimo sarà quello del Veneto e poi verrà il loro turno, quello del referendum della Lombardia. E’ bello vedere dei giovani animarsi così per l’affermazioni del valore della libertà e dell’autodeterminazione. Altro che bamboccioni. Sono ragazzi pratici e dalle idee chiare che sanno come realizzare.

Matteo Mognaschi è il loro coordinatore federale, come lo fu, per la generazione precedente, Matteo Salvini.”I Giovani Padani sostengono l’Indipendenza della Catalunya perché l’autodeterminazione dei Popoli è un processo storico che nessuno può fermare. Così come in Scozia anche in Catalogna sarà presente una delegazione di Giovani Padani. Speriamo che i Catalani, nonostante le minacce di Madrid, scelgano la via dell’Indipendenza. Potrebbe essere l’inizio di una rivoluzione democratica per tutta l’Europa.”
“Tanti saranno i Giovani Padani presenti dalla Lombardia” continua Simone Parigi, coordinatore lombardo MGP, “perché dove c’è voglia di Libertà noi ci siamo. I Giovani padani sono sempre stati indipendentisti e ora lo sono più di prima, anche perché dalla nostra abbiamo la certezza che il Nord, con atti concreti, sta già pensando a sé. Anche in Lombardia vorremmo poter votare con un referendum democratico e pacifico per poter scegliere da soli sul nostro futuro.”
“Ci saranno anche i Giovani Padani del Ticino” dice Diego Scalvini, coordinatore provinciale dei giovani leghisti dell’altomilanese, “perché non si può mancare questo appuntamento con la Storia. Per questo vogliamo seguire da vicino il referendum catalano che può insegnare molto a noi e a tutti coloro i quali ancora non hanno ben compreso l’importanza di queste rivendicazioni dei popoli europei. Anche sul territorio sosterremo questa iniziativa con degli efficaci striscioni a sostegno della causa.”
Nei prossimi giorni, quindi, al posto degli striscioni dei matrimoni, sulle protezioni dei ponti del Ticino vedremo tanti striscioni a sostegno dell’indipendenza della Catalogna. Vien proprio voglia di seguirli. “Ragazzi, per caso avete una bomboletta da prestarmi? Verde, possibilmente.”

Ilaria Maria Preti
Chi sono Ilaria Maria Preti 2278 articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.