I carabinieri vanno a scuola e all’Alessandrini di Vittuone pescano un pesciolotto

I carabinieri vanno a scuola e all'Alessandrini di Vittuone pescano un pesciolottoLa scorsa settimana, i carabinieri del comando provinciale di Milano coadiuvati dal gruppo Cinofilo di Casatenuovo, si sono recati all’interno dell’istituto Alessandrini di Vittuone, su richiesta di intervento da parte delle autorità scolastiche, e hanno meticolosamente controllato ogni angolo, alla ricerca di stupefacenti. Nella rete è caduto un diciasettenne che è stato denunciato per detenzione e spaccio di stupefacenti e ha segnalato altri due studenti come assuntori di droghe.

C’è sempre da essere preoccupati per i figli , quando li si manda a a scuola la prima volta lontano dall’ambiente in cui sono cresciuti e la prima volta che si misurano da soli con la vita. La paura più grande è sempre la stessa: la droga.Come reagiranno i ragazzi, anche gli si è spiegato tanto volte che la droga porta alla morte.? La preoccupazione è la sessa sia per i genitori sia per gli insegnanti. C’è quindi solo da ringraziare quei presidi scolastici che, invece di temere per il buon nome della scuola, al primo sospetto che fra le aule girino sostanze che non dovrebbero girare, chiamano i carabinieri e si fanno aiutare a scoprire chi porta a scuola gli stupefacenti per venderli ai compagni, specie quelli più piccoli.

CI sono stati molti altri controlli dei carabinieri nella zona della provincia di Milano durante la settimana scorsa. La maggior parte era  volta a limitare l’attività di spaccio in provincia di Milano hanno portato al sequestro di  640 gr. di hashish, 95 gr. di marjuana, 96 gr. di cocaina e di 4.295 euro  in contanti derivanti dallo spaccio di droga. 18 persone sono state arrestate per reati legati allo spaccio della droga.

(Fonte: carabinieri.it)

Alessandra Gornati
Autore Alessandra Gornati109 Articoli
Mi piace leggere, mi piace scrivere, ma amo la privacy. Vivo in un piccolo Comune dell'altomilanese, e questo mi condiziona. Si potrebbe dire che amo parlare di quello che capita agli altri, ma se parlano di me, mi sembra di mettermi in mostra e sono in imbarazzo. Pensa a me come ad una donna timida e invisibile, senza misteri ma molto ricca nell'anima. Quello che do al mondo, lo do con le mie parole.Cercami su Facebook Alessandra Gornati

Commenti e diritto di replica

Rispondi