Ossona, segnaletica stradale atterrata e altre buchette

Ossona, segnaletica stradale atterrata e altre buchetteUn palo da segnaletica stradale abbattuto, una serie di buche nell’asfalto che possono far scambiare la strada con una lunga fetta di gruviera, la segnalazione del sistema elettronico di rilevazione delle infrazione (photored) scritto in piccolissimo e nel modo meno compressibile possibile, e posizionato molto lontano dalla telecamera, le strisce sulla strada quasi completamente cancellate. Questo è il biglietto da visita con cui Ossona accoglie chi entra dalla via per Turbigo, nel punto in cui diventa strada comunale e prende il nome di Viale Europa, cioè da poco prima del cimitero di Ossona , provenendo dall’uscita dell’autostrada di Arluno.

Il palo della segnaletica stradale abbattuto è uno divieto di accesso  che si trova in un punto piuttosto pericoloso, nel parcheggio che di trova davanti al cimitero. Serve per indicare che c’è un senso unico proveniente dalla parte opposta e che quella è l’uscita del parcheggio.

Nell’osservarlo mentre giace sdraiato a terra ci si fa anche qualche domanda: Il palo è proprio eradicato dal terreno. Si è portato dietro anche la piccola zolla di cemento ceh doveva tenerlo fermo nella sua posizione. Dato che si trova in mezzo ad un’aiuola di verde e tenera erbetta inglese, se fosse stato abbattuto da un automobile ce lo ha centrato in velocità dovrebbero esserci perlomeno i segni dei peumatici . Invece non ci sono. Che il palo sia caduto di moto proprio ? Oppure è lì per terra da così tanto tempo che  l’erbetta è ricresciuta coprendo completamente i segni delle ruote sul praticello? Non si sa: l’unica cosa che si vede è che il palo della segnaletica stradale  è stramazzato e che finora nessuno lo ha tirato su.

Per le buche che si trovano sull’asfalto sul lato di viale Europa che arriva da Arluno, invece, si potrebbe pensare che siano state lasciate lì per far rallentare le automobili, in modo che gli autisti, quando si avvicinano al Photored, vedano il cartello scritto in piccolo e facciano molta attenzione a non passare la linea bianca che delimita lo spazio di frenata del semaforo rosso.

Tale linea non viene rifatta appositamente per stimolare l’attenzione degli autisti che rallentano per cercarla.

Mentre il resto del mondo crede che l’incuria della segnaletica stradale sia uno dei segnali della cattiva amministrazione di un paese, a Ossona la si è trasformata in colpi di genio per aumentare la sicurezza e e risparmiare sui costi dei lavori pubblici e dell’urbanistica. Credeteci.

Anna Alice
Autore Anna Alice128 Articoli
Ogni persona ha una vita normale e una vita di fantasia, di pensieri e di sogni. Sono una impiegata, una contabile. Ho a che fare ogni giorno con i numeri, e raccontare il mondo con le parole è il mio modo di fuggirne.

Rispondi