Vittuone: rapina a mano armata alla Posta

Dei rapinatori sono entrati nell’ ufficio postale di Vittuone, nella centralissima piazza Italia, questa mattina dopo le 8, pochi minuti dopo l’apertura.

Vittuone: rapina a mano armata alla PostaVittuone: rapina a mano armata alla PostaErano vestiti con tute da meccanico per confondersi meglio fra la gente che già nelle prime ore del mattino passa per al piazza e per non dare nell’occhio. Per avere la possibilità di scappare velocemente tra le piccole vie di Vittuone hanno usato, come mezzo di trasporto, uno scooter. Per non farsi riconoscere indossavano il casco da motociclista sopra a dei passamontagna. Una volta all’interno dell’ufficio postale, uno dei banditi ha estratto una pistola e ha minacciato l’ impiegata e la direttrice che in quel momento erano presenti nell’ufficio, terrorizzandole, mentre il complice si occupava di farsi consegnare il denaro.

L’azione è stata veloce, il tempo giusto di raccogliere  un migliaio di euro e i due malviventi sono fuggiti, facendo perdere le tracce, anche se all’uscita dell’ufficio postale sono stati avvistati dagli agenti della polizia locale. Gli agenti si erano resi conto della situazione e sono riusciti a inseguire i rapinatori per qualche minuto mentre veniva dato l’allarme ai carabinieri di Sedriano. Purtroppo lo scooter ha fatto perdere velocemente le  tracce infilandosi tra le vie del paese che portano verso statale 11.

Le indagini sono ora in corso e i carabinieri si son subito attivati sistemando dei posti di blocco e verificando che negli altri Comuni della zona la situazione fosse tranquilla. Siccome il bottino è stato minimo, si teme che il tipo di rapina possa ripetersi nel giro di poche ore anche in altri uffici postali o in negozi, e quindi è scattato lo stato di allarme e di attenzione che cesserà solo quando i rapinatori saranno identificati. Dalle prime testimonianze risulta che i due ricercati parlano italiano senza accenti particolari, particolare che fa sospettare che si tratti di balordi che sono già conosciuti dalle forze dell’ordine.

Ilaria Maria Preti
Chi sono Ilaria Maria Preti 2265 articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.