Altomilanese, Cornaredo: chiudono i magazzini di abbigliamento Pimkie

Altomilanese, Cornaredo: chiudono i magazzini di abbigliamento PimkieAltri posti di lavoro persi nell’ altomilanese. La Pimkie di Cornaredo ha chiuso i battenti del magazzino due settimane fa, ma non per colpa della crisi. Hanno lasciato a casa dal lavoro 70 persone, per lo più donne, per le quali si è aperta la procedura di mobilità. Si tratta dei magazzini di abbigliamento delle catena di negozi Pimkie, presenti in tutte le città del paese che ha chiuso il magazzino italiano che si trova in via Monzoro a Cornaredo perché troppo costoso.

La ditta è francese, quindi europea e si starebbe trasferendo in Germania. Pochi quelli che si sono scandalizzati e che hanno tentato di andare in soccorso dei lavoratori chiedendo all’azienda di ripensarci. La Rsu sarebbe stata informata del fatto via fax e poi ha semplicemente  avvisato i lavoratori. Nella sede di via Monzoro rimarrebbero solo 40 impiegati amministrativi.

La Pimkie va ad aggiungersi alla fila di aziende che chiudono nell’ altomilanese, solo che mentre la maggior parte ha chiuso per fallimento o per l’impossibilità di pagare le tasse qui abbiamo un’azienda funzionante che ha preso la sua decisione per una questione di gestione interna dei costi.

L’ altomilanese è andato incontro velocemente ad una forte deindistrualizzazione, negli ultimi anni, causata più che dalla crisi dall’impossibilità di ricreare il tessuto economico in crisi per la mancanza di accesso al credito e per l’esosità di richieste da parte del fisco che chiede ai cittadini di anticipare le tasse prima ancora che abbiano guadagnato i soldi che dovrebbero essere tassati. Un tempo infatti, in una situazione del genere vi sarebbe stato immediatamente chi avrebbe aperto un’altra ditta simile, ma completamente lombarda.

(Fonte: Ilgiorno.net)

Anna Alice
Chi sono Anna Alice 128 articoli
Ogni persona ha una vita normale e una vita di fantasia, di pensieri e di sogni. Sono una impiegata, una contabile. Ho a che fare ogni giorno con i numeri, e raccontare il mondo con le parole è il mio modo di fuggirne.