Mesero, Rosaria Iorillo: scheda pubblicata su “Chi lo ha visto?”

Rosaria Iorillo: scheda pubblicata a "Chi lo ha visto?"

rosariaiorillochivisto-300x147 Mesero, Rosaria Iorillo: scheda pubblicata su "Chi lo ha visto?" Piazza Litta (Ossona) Prima Pagina   Maria Rosaria Iorillo è entrata ufficialmente nell’elenco delle persona scomparse con la pubblicazione, avvenuta oggi, della sua scheda sul sito internet della trasmissione di servizio pubblico “Chi l’ha visto?”.

A nulla sono valse le ricerche di questi ultimi 11 giorni. I canali di irrigazione sono stati tutti  perlustrati. Questa domenica inoltre, si potevano notare le squadre della protezione civile  e dei volontari che perlustravano i tratti dei canali secondari che distaccandosi dal corso principale dal Canale Villoresi si dirigono verso il Parco delle Cave a Baggio che, come si sa riceve i resti della acque irrigue che bagnano i campi dell’alto milanese. Le ricerche si sono spinte fino oltre Vittuone e  Cisliano, nella speranza di ritrovare il suo corpo, o se si ha fortuna, di ritrovare Rosaria Iorillo ancora in vita.

La pubblicazione della scheda Di Rosaria Iorillo sul sito internet di “Chi lo ha visto?” ha lo scopo di cercare, e di poter sperare, in una segnalazione, in una indicazione qualsiasi che darebbe sollievo ai familiari e accenderebbe quella speranza che ora ha lasciato un grande vuoto fra i suoi cari  e i suoi amici.

La scheda come al solito raccoglie i dati salienti della descrizione dello scomparso, la sua età, il modo in cui era vestito e il luogo dell’ultima volta n cui è stato visto.

Culture digitali

Sono molte le cose che potrebbero essere successe e non tutte prevedono per forza un finale tragico.
Speriamo anzi che Chi la visto? aiuti a risolvere il mistero che si è creato intorno alla scomparsa di Rosaria Iorillo.

(Fonte foto: screenshot di chilavisto.rai.it)

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 2682 Articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio RPL