Silvio Berlusconi, la decandenza e i servizi sociali

Silvio Berlusconi, la decandenza e i servizi sociali
Silvio Berlusconi

Un paio di giorni fa il Fatto quotidiano di Marco Travaglio ha anticipato i contenuti di una intervista che Silvio Berlusconi ha rilasciato al settimanale cattolico Tempi e oggi  l‘articolo  apparso sul Fatto quotidiano riporta  i risultati del vertice del PDL di Arcore.

Nella prima intervista si pone l’attenzione sul tira e molla che sta avvenendo in parlamento a causa del voto di decadenza dalla carica di senatore del leader del Popolo della Libertà. Angelino Alfano scarica sul PD la responsabilità delle possibili dimissioni di massa dei parlamentari e dei ministri del PDL, nel caso in cui il PD voti si alla decadenza di Silvio Berlusconi. Enrico Letta fa altrettanto, scaricando su Berlusconi e su Alfano la stessa identica responsibilità,utilizzando le stesse identiche motivazioni e riversando sul PDL  la responsabilità politica della fine del governo.

Berlusconi, invece, tenta alcune mediazioni. Per tentare di assicurarsi i voti del PD contro la sua decadenza da senatore fa intendere che sarebbe disposto ad aiutare l’ala di sinistra del PD ( gli ex DS) nel superare le difficoltà che sta incontrando con gli ex Margherita nell’approvazione delle leggi a favore del matrimonio e delle coppie omosessuali, chiudendo però contemporaneamente all’allargamento dei reati della legge Mancino, che alcuni vorrebbero che includesse anche il reato di omofobia, e che è molto ostica all’area di sinistra più vicina ai Radicali.

Il PD é, così, fra due fuochi. Se vota la decadenza di Silvio Berlusconi da senatore, rispettando la sentenza del giudice che lo ha condannato all’interdizione dai pubblici uffici e accontentando la sua base che ha sempre convinto al voto per mezzo di una guerra personale contro il “caimano”,  vedrà cadere il governo costruito con tanta fatica con l’appoggio dello stesso PDL. Se invece non lo farà, accettando il ricatto politico di Berlusconi, dovrà darne conto ai suoi elettori.

Il Vertice ha visto contrapposte le ali del PDL  dei due gruppi trasversali delle Colombe, che spingono per l’accettazione della condanna  senza strappi politici e mantenendo in piedi il governo Letta, e dei Falchi, che invece spingono per togliere il sostegno al governo andando ad elezioni anticipate.

Silvio Berlusconi, in mezzo, si è detto disposto ad accettare di scontare la pena con l’affidamento ai servizi sociali.

(Fonte: il Fatto quotidiano; fonte foto: commons.wikipedia.com)

 

 

 

Alessandra Gornati
Chi sono Alessandra Gornati 109 articoli

Mi piace leggere, mi piace scrivere, ma amo la privacy. Vivo in un piccolo Comune dell’altomilanese, e questo mi condiziona.
Si potrebbe dire che amo parlare di quello che capita agli altri, ma se parlano di me, mi sembra di mettermi in mostra e sono in imbarazzo.
Pensa a me come ad una donna timida e invisibile, senza misteri ma molto ricca nell’anima. Quello che do al mondo, lo do con le mie parole.

Cercami su Facebook Alessandra Gornati