Beppe Grillo: oggi si vota per espellere un cittadino

Grillo: oggi si vota per espellere un cittadino
tweet di Beppe Grillo

Ci sono delle volte che anche i maghi della comunicazione online come Beppe Grillo non si rendono conto dell’effetto delle loro parole, specie se scritte utilizzando mezzi informatici come twitter e facebook, e che riescono a dire seriamente delle cose talmente strane e buffe da scatenare l’ilarità.

Ad esempio un tweet di oggi di Beppe Grillo, lanciato alle 9 del mattino, ha informato tutti i suoi seguaci che oggi si voterà online per l’espulsione del cittadino Mastrangeli.

La sorpresa è lecita se non si è al corrente della nuova moda per cui gli aderenti del movimento di  Beppe Grillo usano chiamarsi fra loro cittadini, come succedeva nella Francia del periodo napoleonico, anche se probabilmente la definizione è stata mutuata dalla parola citizen con cui si indicano alcune volte i partecipati al livello inferiore delle comunità virtuali, quelle che noi chiamiamo forum e che spesso si amministrano con i moduli Vbulletin.

Letto così a freddo, sembra che Beppe Grillo sa intenzionato a far votare online l’espulsione dei cittadini uno ad uno, nome per nome, e la domanda che sfiora il pensione del lettore comune è facile da intuire: ” vorrà tenere solo i clandestini?”.

Non è propriamente così: Marino Mastrangeli è un cittadino di categoria superiore, cioè un cittadino senatore, fa parte quindi del gruppo degli amministratori del forum, cioè scusate del Movimento 5 stelle. La sua colpa è quella di aver tradito spesso internet partecipando, senza il permesso della comunità degli amministratori,  ai talk show televisivi, grandi concorrenti delle comunità online.  Quindi la comunità degli amministratori del forum ha deciso di sottoporre alla comunità dei citizen, l’espulsione dal ruolo di moderatore di Mastrangeli.

La cosa che Beppe Grillo e i grillini non sembrano aver capito è che la realtà è una cosa diversa da second life.

(Fonte e foto: Twitter)

 

Alessandra Gornati
Chi sono Alessandra Gornati 109 articoli

Mi piace leggere, mi piace scrivere, ma amo la privacy. Vivo in un piccolo Comune dell’altomilanese, e questo mi condiziona.
Si potrebbe dire che amo parlare di quello che capita agli altri, ma se parlano di me, mi sembra di mettermi in mostra e sono in imbarazzo.
Pensa a me come ad una donna timida e invisibile, senza misteri ma molto ricca nell’anima. Quello che do al mondo, lo do con le mie parole.

Cercami su Facebook Alessandra Gornati