Sui marciapiedi di Ossona può crescere la foresta pluviale

Ad Ossona sui marciapiedi cresce la foresta pluviale
Via padre Pio, giusto dietro piazza Litta, dove ci sono i parcheggi

In piazza Litta ad Ossona, si sa, ci sono pochi parcheggi,e trovandomi per caso in piazza in macchina ho pensato di entrare nella piccola via padre Pio dove spesso è possibile trovarne. Mi sono guardata n giro e il pensiero mi è corso ad un bellissimo film del 1995 con Robin Williams, Jumanji . Mi sono voltata a sinistra e poi a destra, ma non per attraversare la strada. L’ho fatto per assicurarmi che non stesse arrivando un branco di rinoceronti della savana, proprio come capita in quel film.

Guardando il livello dell’erba cresciuta sul marciapiede della piccola via del centro di Ossona, sembra quasi impossibile che un simile danno si sia prodotto in quei 4 giorni di sole che hanno caratterizzato finora la primavera: in fondo l’erba è così alta che arriva a superare l’altezza del cofano delle macchine parcheggiate.

Se un pedone decide di osare e camminare  sul marciapiede invece che in mezzo alla strada rischia di perdersi e se si continua così, Ossona sarà il primo Comune che contribuirà al salvataggio della foresta pluviale ospitandola sui suoi marciapiedi.

A parte le battute ironiche e di spirito che s possono fare sulla situazione, la condizione del marciapiede è davvero drammatica. La via è in una posizione particolare, a senso unico, e le macchine che vi entrano hanno una visuale parziale, anche se procedono lentamente, e i pedoni sono in costante pericolo se la percorrono, perché obbligati a camminare in mezzo alla sede stradale. Ospitando poi una parte dei parcheggi a servizio di piazza Litta, non è una strada che si può definire a solo traffico dei residenti e questo è uno dei piccoli grandi problemi di sicurezza di cui soffre Ossona.

 

 

 

Ilaria Maria Preti
About Ilaria Maria Preti 2206 Articles
Sono per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.

Be the first to comment

Rispondi

Leggi anche