Alto Milanese: pedalando sul Naviglio Grande da Milano ad Abbiategrasso

Alto Milanese: pedalando sul Naviglio Grande da Milano ad Abbiategrasso (fonte foto:animatedweb.it)

In primavera si può fare una passeggiata in bicicletta pedalando sulle rive del Naviglio Grande da Milano ad Abbiategrasso tra le belle campagne dell’ Alto Milanese.

GaggianoPistaCiclabile Alto Milanese: pedalando sul Naviglio Grande da Milano ad Abbiategrasso Magazine Turismo   Non è la proposta di un allenamento per partecipare ad una gara ciclistica, ma solo una bella e alternativa passeggiata fuori porta che si può organizzare senza molta fatica. Ci si prende la giornata e si percorrono questi 20 chilometri di  piste ciclabili che corrono lungo il più antico canale navigabile di Milano, quello che ha le Chiuse costruite da Leonardo da Vinci.
La partenza è dalla storica Stazione di porta Genova. La magia di Milano si manifesta subito, non  appena si sale sul sellino della bicicletta. La metropoli modernissima scompare e al suo posto appare la parte antica del quartiere sud ovest, con le sue corti, i ballatoi e le romantiche case con la ringhiera, su cui si aprivano gli appartamenti degli operai di fine ottocento. L’alzaia del Naviglio Grande parte proprio da lì. Si pedala lentamente, restando sul lato sinistro del canale, prendendosi il tempo di ammirare ciò che stiamo attraversando.

Si arriva a Corsico. Il grande paese dell’hinterland milanese conserva ancora moltissimi scorci romantici e belli lungo le rive del Naviglio. Eppoi c’è la storia: chi lo sa che a Corsico, intoro al 1350 sulle rive del Naviglio, c’era la villa del capitano di ventura Niccolò Piccinino detto anche El Piscinin , a causa della sua bassa statura?
Dopo Corsico si entra nel territorio di Trezzano, in cui sono ancora visibili due conventi, uno certosino e l’altro cistercense, che conservano l’architettura medioevale anche se trasformati in abitazioni residenziali.
Il primo palazzo nobile lo si incontra entrando a Gaggiano. Da palazzo Marino, questo è il nome della villa, parte la lunga serie di residenze di campagna della nobiltà e della borghesia milanese, che amava passare parte dell’anno in queste prestigiose ville costruite sulle rive del canale.
Poco dopo il Naviglio fa una curva e comincia a scorrere parallelamente al Ticino, che è lontano qualche chilometro. Lì si trova Castelletto, un ridente paesino ora unito al comune di Gaggiano, che un tempo era una piccola fattoria fortificata. Qui ci sono i resti di uno dei primi ponti sul Naviglio, costruito nel 1264, e si possono ammirare altre ville patrizie: come il seicentesco palazzo dei Cittadini o la Casa della Regia Camera, chiamata anche Casa del Custode.

Continuando a pedalare, Abbiategrasso è poco dopo. Qui si può ammirare il bel Castello e s possono percorrere le numerose piste ciclopedonali che portano fino al centro della bella cittadina.
Su tutto il percorso d questa bella pedalata non è difficile imbattersi in osterie che preparano panini o piccole merende ma  ad Abbiategrasso c’è solo l’imbarazzo della scelta. Un piatto di salame, rane fritte, polenta e zola, sono solo alcuni dei piatti che possono rifocillare dopo la bella pedalata. E se alla fine si è troppo stanchi per affrontare via del ritorno in bicicletta, si può prendere il treno alla stazione, che dà la possibilità di caricare anche le biciclette. In meno di un’ora si sarà di nuovo a Milano, alla stazione di Porta Genova, contenti di aver vissuto una bellissima giornata, pedalando da Milano ad Abbiategrasso. (Fonte: www.naviglilombardi.it; foto: animatedweb.it)

Ilaria Maria Preti
About Ilaria Maria Preti 2389 Articles
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Oltre che occuparmi di Cronaca Ossona, coordino la redazione di ZoomMilano.it, collaboro con Conlombardia.com e con alcune agenzie di stampa.

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Rispondi