Ossona, litiga con il vigile a causa della multa e finiscono all’ospedale tutti e due

Ossona – Litiga con il vigile Paolo Bergamaschi a causa di una multa appena ricevuta. Durante la colluttazione cadono per terra e  finiscono all’ospedale tutti e due. All’agente Paolo Bergamaschi vengono dati 10 giorni di infortunio, mentre il protagonista della vicenda è processato per direttissima.

polizialocaleossona Ossona, litiga con il vigile a causa della multa e finiscono all'ospedale tutti e due Piazza Litta Prima Pagina   Martedì 12 marzo a Ossona verso sera un marcallese  ha parcheggiato in piazza Litta, sul posto auto riservato ai vigili, per recarsi da tabaccaio proprio mentre l’agente Paolo Bergamaschi stava uscendo dal suo ufficio. Parcheggiare l’auto in divieto di sosta proprio davanti all’ufficio della polizia locale e sul posto auto riservato a loro denota già una capacità di sfida del destino non  indifferente, così quando l’agente Paolo Bergamaschi gli ha fatto la multa per divieto di sosta lo ha rincorso nel tentativo di farsela togliere.
Al rifiuto dell’agente la sfida del destino è diventata più forte, è iniziata una lite che è andata in crescendo fino a che i due non sono venuti alle mani e, tra gli strattonamenti, non sono finiti ambedue per terra. L’ agente Paolo Bergamaschi ha avuto la peggio e ora è in infortunio per almeno 10 giorni a causa della botta presa .

Sono state chiamate le ambulanze e sono intervenuti i carabinieri di Corbetta che hanno fermato l’uomo, che la mattina del 13 marzo,è stato processato per direttissima.
Nel dare solidarietà all’agente Paolo Bergamaschi che stava facendo il suo dovere di poliziotto, possiamo solo aggiungere che, anche se è vero che in Piazza Litta non c’è mai posto per le auto, se si parcheggia la macchina in divieto di sosta si sa che si sta sfidando la sorte, che c’è la possibilità di prendere una multa. Se si parcheggia nel posto riservato alla polizia locale, questa possibilità aumenta. Se poi il posto riservato all’auto dei vigili è in una posizione in cui basta che uno degli agenti della polizia locale alzi gli occhi dalla scrivania per vedere l’infrazione, la possibilità di farla franca è pari quasi a zero. Rincorrere e litigare con il Vigile per la conseguente naturale multa è un atteggiamento che ricorda i più maldestri giocatori di poker.
Ora ad Ossona la voce gira nei racconti di Piazza Litta e la gente dice: ” Uhe, i bogion semm minga domà numm. Indess,… anca quei da Marcall”.

Anna Alice
About Anna Alice 128 Articles
Ogni persona ha una vita normale e una vita di fantasia, di pensieri e di sogni. Sono una impiegata, una contabile. Ho a che fare ogni giorno con i numeri, e raccontare il mondo con le parole è il mio modo di fuggirne.

2 Commenti

Rispondi