Nerviano, Lega Nord: il centro storico è abbandonato a sé stesso

Nerviano, Lega Nord: il centro storico è abbandonato a sé stessoPiazza  Manzoni, nel centro storico di Nerviano, proprio di fronte al Comune, un edificio rischia di crollare. L’amministrazione comunale ha posizionato  transenne e  cartelli di segnalazione del pericolo di caduta calcinacci e tegole a dimostrazione che il pericolo di crollo è ben reale. Il tetto sembra sfondato, la struttura diroccata e instabile.

La delicatezza della situazione non sfugge alla lega Nord di Nerviano che in questi ultimi mesi sta picchiando duro sulla mancanza di azione dell’ amministrazione Comunale di  sinistra, accusata di non essere attenta alle condizioni in cui versa il paese. Interrogazioni e comunicati stampa della sezione e del gruppo consigliare mostrano come i problemi di manutenzione e di degrado urbanistico del centro storico di Nerviano siano pressanti.

“Un caso emblematico del degrado urbanistico del centro storico del Capoluogo e delle frazioni, dove non vi è la minima traccia del recupero e della valorizzazione degli stessi” scrive Massimo Cozzi, addetto stampa della sezione della Lega Nord.” Di solito il centro storico di un Paese è il cuore pulsante dello stesso ed è l’immagine che diamo a chi arriva da fuori.. In questo caso non diamo certo un bello spettacolo!!!”

I leghisti ricordano come nel 2009 il sindaco di Nerviano dipingesse il nuovo PGT come uno strumento in grado di proteggere e recuperare il centro storico, mentre in 3 anni, si è arrivati ad un nulla di fatto.

La casa diroccata di piazza Manzoni, che è comunque un edificio inserito nel catasto teresiano del 1700,  non è lontana da due punti particolarmente cari ai nervianesi: il ponte sull’Olona e l’ex monastero degli Olivetani e sembra che l’azione della Lega Nord intenda fare perno su questo per ottenere una ordinanza del sindaco che imponga il mantenimento decoroso degli stabili che si trovano nei pressi di strutture storiche. (Fonte e foto: facebook.com, Casa di piazza Marconi pericolante)

Ilaria Maria Preti
Chi sono Ilaria Maria Preti 2276 articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.