Passante Milano – Novara: i pendolari denunciano Trenord

Venerdì 18 gennaio è stata una giornata di passione per i già stremati pendolari della nostra linea ferroviaria, la  S6, la Milano – Novara. La circolazione dei treni è stata sospesa per uno sciopero di 8 ore, dalle ore 9:00  alle ore 17:00 e, per di più dopo lo sciopero la circolazione  è stata tutt’altro che regolare, con ritardi oltre ogni sopportabile limite.

774753_10151195616721345_1449640251_oQuesta è stata solo la ciliegina sulla torta in una situazione che perdura da tempo, con un servizio sempre peggiore nonostante quanto affermato e promesso dai dirigenti di Trenord e Regione nell’incontro del 30 ottobre 2012. Già allora i pendolari si sentirono tagliati fuori, sia per l’orario scelto, il mattino, sia per il quasi totale disinteresse degli amministratori locali che erano stati invitati da Trenord e Regione all’incontro.
Vi fu addirittura chi, come gli ecocivici (?) minacciò l’occupazione dei binari, poi anche timidamente tentata a Corbetta ma fallita, sopratutto per le proteste dei pendolari che non volevano essere vessati da altri,  bastava Trenord!

Affinché i pendolari raggiungessero l’esasperazione ci volle però altro che  Trenord ovviamente  forni, stiamo parlando del famoso problema di aggiornamento informatico delle turnazioni di lavoro, andato in fallimento mandando la gestione delle ferrovie lombarde in tilt.
A seguito di quei gravi disagi il Codacons promise una class action contro Trenord ; ma  il comitato pendolari della linea S6 Milano – Novara ha deciso di non stare a guardare e di denunciare Trenord per conto suo, grazie alla consulenza dell’avvocato Raffaella Zamboni cui i pendolari formalizzeranno un mandato di rappresentanza legale.

Verrà quindi depositata una querela collettiva presso la Procura della Repubblica di Milano con la quale verranno contestati  la violazione degli articoli di Codice Penale 331 e 340 che disciplinano il reato penale di interruzione di pubblico servizio. Quindi un inizio di 2013 all’insegna della lotta tra pendolari e Trenord, che vede purtroppo i primi vittime di un servizio malfunzionante e di scioperi selvaggi non necessariamente adeguatamente preannunciati, come appunto lo sciopero di venerdì scorso.

 

Chi sono Giuseppe Lanzani 69 articoli
Tecnico informatico

Commenti e Diritto di replica

Rispondi