Corbetta, Riccardo Grittini rimanda le accuse di razzismo al mittente

Corbetta; Riccardo Grittini rigetta le accuse di razzismo

Riccardo Grittini, il giovane assessore allo sport di Corbetta, in provincia di Milano, vittima di una  campagna stampa denigratoria di  livello internazionale, ha rimesso nelle mani del suo sindaco, Antonio Balzarotti, le deleghe da assessore allo sport e alle politiche giovanili.

riccardogrittinisoccer Corbetta, Riccardo Grittini rimanda le accuse di razzismo al mittente Prima Pagina Sport Qui a fianco lo vedete in una foto dello scorso 15 luglio, con i suoi compagni di squadra al campo di Beach Soccer, uno degli sport che pratica. Riccardo Grittini è quello sulla vostra sinistra. Vorrei dirvi esplicitamente di controllare bene il colore della pelle dell’amico di Riccardo, ma temo che, visti i precedenti con i Buu buu, mi si possa accusare di razzismo. Quindi limiterò l’ intervento a consigliarvi di guardare bene questa foto.
Per il resto vi pubblico integralmente il comunicato stampa con cui Riccardo Grittini ha annunciato le sue dimissioni.
“Le accuse di razzismo nei miei confronti sono una montatura vergognosa. Non sono un ultras, vado allo stadio poche volte l’anno e stavo facendo dei classici cori di disturbo rivolti indistintamente a tutti i giocatori del Milan.
La mia vita, il mio percorso sportivo e la mia attività politica dimostrano senza ombre di dubbio quanto i miei valori siano esattamente l’opposto di qualsiasi sentimento razzista o discriminatorio.

Sono pronto a incontrare anche domani Boateng per dimostrargli chi sono davvero e mettere fine a questa brutta storia.
Seguo la Pro Patria poche volte all’anno essendone tifoso e avendo giocato nelle giovanili. Il calcio mi ha dato la possibilità di giocare e diventare amico di calciatori di colore. Gioco anche a Beach Soccer e i miei due compagni di squadra, nonché amici, sono due ragazzi brasiliani, di colore. Il razzismo e la discriminazione non so davvero cosa siano.
Sono cresciuto in città come Corbetta e Busto Arsizio che sono emblemi della generosità e del volontariato, tipici della nostra terra. Per evitare di coinvolgere il Comune di Corbetta, ho rimesso le mie deleghe da assessore allo Sport e alle Politiche giovanili: mi spiace perché stavo organizzando delle iniziative culturali e sportive per le persone con disabilità. Questi sono i miei valori, lo ripeto, lo dimostrano i fatti. Le altre sono invenzioni”.

E adesso, la responsabilità di aver fermato l’azione di un giovane così impegnato socialmente e quella di avergli rovinato la vita con una campagna stampa di quelle dimensioni a chi la si da?
Confidiamo che, quando la cosa sarà chiarita, lo stesso Riccardo Grittini si prenda a cuore la sua difesa e vada a fondo per comprendere bene quali responsabilità ci sono dietro a questo attacco così infamante. (Fonte cittaoggiweb.it; Foto: facebook)

Ilaria Maria Preti
About Ilaria Maria Preti 2400 Articles
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Oltre che occuparmi di Cronaca Ossona, coordino la redazione di ZoomMilano.it, collaboro con Conlombardia.com e con alcune agenzie di stampa.

5 Commenti

  1. se è una campagna denigratoria, direi a Riccardo Grittini di ritornare al suo posto, onde evitare ke certo giornalismo l abbia vinta, nel senso ke se qalcuno ha pensato di caluniare la Lega Nord in un modo o nell altro, così assecondandoli, faremmo il loro gioco. CI RIPENSI GRITTINI! ci sono accuse fondate o pseudo ben + gravi e pendenze giudiziarie molto + gravi, a qanto pare nessuno si muove sono tutti al loro posto. qindi ci ripensi sulserio…cordialmente E.M.

  2. Lui non ha smentito di averlo fatto e il razzismo non è una cosa da poco

  3. ma perfavore razzismo… con i miliardi ke prendono, x un puf avrebbe dovuto star zitto il minimo ke poteva fare…quanti insulti prendiamo ogni giorno noi??? dai un dito ti prendono anke il braccio…ne so qalcosa!!!

  4. Da quanto ho saputo c'è stata la prima udienza e i filmati tanto raccontati da tv e giornali non esistono, però per il prosciglimento bisognerà attendere i tempi della giustizia, cioè la prossima udienza, verso maggio. Riccardo è un ragazzo molto serio e penso che attenderà il proscioglimento.

  5. Enzo Fusco ti sbagli. Riccardo Grittini ha fatto anche di più. Ha smentito di essere razzista. basta leggere l'articolo per saperlo. Oltre tutto non ne aveva bisogno, perchè chi lo conosce sa già come è fatto e quali sono i suoi valori.

Rispondi