Busto Garolfo, dalla Regione Lombardia parere contrario alle galline nel Parco del Roccolo

Busto Garolfo, dalla Regione Lombardia parere contrario alle galline nel Parco del RoccoloLa Regione Lombardia ha dato parere contrario nella procedura aperta per la valutazione dell’impatto ambientale, effettuata sul progetto della costruzione dell’ impianto per l’allevamento intensivo di galline ovaiole e pollastre nel Parco del Roccolo, al confine fra i comuni di Busto Garolfo, Parabiago e Casorezzo.

La questione si trascina oramai da mesi. La relazione dell’impatto ambientale che l’allevamento in questione avrebbe sul territorio era già stato sottoposto al parere della provincia di Milano che si era detta contraria. Ora la Regione Lombardia ha emanato anche un giudizio di compatibilità ambientale negativo che si aggiunge a quello dei Comuni il cui territorio è interessato alla costruzione. Il comune di Parabiago nel suo PGT ha aggiunto delle regole che rendono questo genere di allevamenti zootecnici intensivi non compatibili con la vocazione agricola cui sono destinati i terreni del comune di Parabiago. Il consigliere della Provincia di Milano Raffaele Cucchi, della Lega Nord , che è anche vicesindaco nella giunta di Parabiago ha commentato il parere negativo della Regione Lombardia dicendo:

Non posso che esprimere grande soddisfazione per questo risultato, ottenuto grazie al lavoro di tutte le parti sia sociali, animaliste, ambientaliste e delle strutture amministrative che hanno compreso il grave impatto che un impianto di questo genere poteva avere sul nostro territorio ed in particolar modo sul parco del Roccolo“.

Non bisogna dimenticare, infatti, che il problema ambientale che un allevamento di elevate proporzioni come quello progettato poteva creare è stato sollevato anche dai cittadini che si sono mossi  per molti mesi agendo come comitati.

(Fonte: www.legnanonews.com; fonte foto: essereanimali su flickr.com)
Ilaria Maria Preti
Chi sono Ilaria Maria Preti 2241 articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.

Commenti e Diritto di replica

Rispondi