“L’oro di Demetra”: una proposta di lettura dei “pellegrinaggi” verso la terra dei “cerchi nel grano”

cerchi nel grano

Ieri, venerdì 28 settembre, ore 21, presso l’auditorium “Unità d’Italia” – via Dante, su sponsorizzazione del Comune di Ossona (Mi) e delle altre entità socio-culturali ivi orbitanti (Acli, Pro-loco, VAS, Fondazione per leggere), grande sfavillio di immagini del tutto belle e inquietanti… “costanti” nella “cultura del sub-limine” dei tempi presenti.

cerchi-nel-grano_13-324x226 “L’oro di Demetra”: una proposta di lettura dei “pellegrinaggi” verso la terra dei “cerchi nel grano” Magazine Turismo   Il convegno “L’oro di Demetra”, viaggio nella terra dei “cerchi nel grano”, veniva presentato da Alessandro Luè e Andrea De Marinis con interventi di Roberto Lunghi  e Umberto Morazzoni.Per tutto il corso della seduta mi sono “rigirato” su una domanda che prudeva ma che non mi sono sentito di gettare nell’arena della discussione: “il perché” di questa corsa di gente adulta e acculturata verso questi luoghi di mistero che, però solo dall’alto, offrono immagini tanto intriganti quanto espressive di un lavorio del profondo.

Infatti occorrono “visioni telescopiche” per potere dare senso compiuto a quelle che restano, da terra, soltanto tratti scomposti di steli piegati: eppure… la gente (e non povera gente!) sacrifica la “plebea” vacanza al mare, per andarsi a “caricare”, anno dopo anno se non mese dopo mese, della magia che avverte tra quegli steli maltrattati ma non tanto da poter essere poi mietuti e raccolti. Stamattina, nel dormiveglia, mi stavo dando da fare per dire una mia risposta sensata… quando rivedendo il volantino-invito, mi sono reso conto che gli esperti, forse incosciamente, avevano dato implicita la risposta parlando di “paesaggio Sacro”, “Oro di Demetra”. Ma promettendo “scenari che mai prima d’ora vi sareste aspettati di trovare” offrivano a me solitario spigolatore, la possibilità di dissentire affermando che si tratta di scenari vecchi quanto l’uomo e i suoi “bisogni”.

Si, proprio bisogni! Bisogni materiali che vengono saziati mediante la produzione di beni atti a soddisfarli: la disciplina che studia e organizza la produzione, ha assunto la denominazione di “Scienza economica”! Ma poi gli uomini di tutti i tempi, oltre ai bisogni di stomaco, hanno avvertito altri languori: gli interrogativi, i bisogni dello spirito, i bisogni tratti dal mistero che è in lui. E… sono nate le religioni! Religioni per tutti i gusti e temperamenti di popoli alla mercé di “sacerdoti” che da svariati “cerchi nel grano” hanno potuto, forse solo per brevi attimi, trarre la panacea all’inquieto cuore dell’uomo (“inquietum est cor nostrum!”).

Culture digitali

“I cerchi nel grano” come luoghi del sacro e del culto, allora li ritroviamo nei “cerchi di pietre” e, azzardando, che ne direste di vederli anche nelle folle che frequentano i santuari della tradizione pagana ma anche cristiana, particolarmente… mariana? (Medjugori, Radio Maria, folle oceaniche attorno ai paludati “maghi otelma” di ogni tempo!) I “cerchi nel grano” (ed infine anche nel ghiaccio) saranno dunque il surrogato dell’ultima religione nell’ambizione di sostituire “sacerdoti” del sacro tempio?!

La tentazione di sottoporsi al giogo “religioso” probabilmente cesserà quando con la “mappatura” dell’intero cervello umano, potremo vedere la risposta al dilemma: “da dove vengo, dove vado e perché” e dare finalmente riposo all’inquietum cor nostrum. E tuttavia mi conforta (non so quanto conforto ne ricavi l’unico mio lettore) il pensiero che seguire il Vangelo e il conseguente “rapporto personale” con colui che si definisce “Il Figlio dell’Uomo” non è lasciarsi abbindolare dal placebo dell’industria “religiosa.

21 Commenti

  1. cari.. guardate che l'ho organizzato io, per conto di verdi Ambiente e Società circolo ticinia di Ossona e, mi spiace dover dire, che gli articoli sono articoli, questo pare una riflessione che nulla menziona in merito alla brillante, colta e illuminata serata di ieri. le domande che si fa l'autore dell'articolo, ieri sera non era certo mia e dei relatori, intenzione rispondere, ma anzi dare delle basi di riflessione; ad esempio sulle funzioni, per alcuni, terapeutiche, le brillanti analisi geometriche e matematiche. Sarebbe buona cosa che se qualcuno vuole fare il "giornalista" o "blogger" si presenti al promotore, per non scadere in queste considerazioni che nulla hanno a che fare con l'informazione. questa precisazione è doverosa in quanto questo non è il portale degli ossonesi come dite, ma la maschera "pulita" della lega nord, che ormai tutti noi, diamo per trasferita in tanzania e in albania a laurearsi; sintomatico che lo stesso consigliere comunale leghista stamattina abbia disertato il consiglio comunale. Spero nella buona fede di Giuseppe, colto da "inesperienza". penso che il rispetto dell'operato altrui sia doveroso. buona serata: Gilberto Rossi portavoce Verdi Ambiente e Società Ticinia

  2. la lega ha copiato un simbolo ancestrale, per le motivazioni psicologiche che sono state spiegate egregiamente durante il convegno di venerdì sera. più libri meno razzismo

  3. ops.. onde evitare ridondii. la lega, ha usato quel simbolo, presumo, per i motivi di azione e memorizzazione inconscia che il simbolo richiama, e questo è stato spiegato egregiamente nel corso del convegno. organizzo convegni per far cultura, o almeno l'intento è quello, non per promuovere disinformazione. un minimo di onestà intellettuale, visto che il convegno è stato organizzato dai vas in collaborazione con gli altri enti

  4. ciao Ilaria. scherzi a parte, mi avrebbe fatto piacere vederti venerdì sera, sono sicuro che ti sarebbe piaciuta! Poi avendo un sindaco prof di matematica il tema è stato sviluppato anche in maniera competente e non banale (mi riferisco all'intervento del primo relatore e alla geometria e funzioni matematiche). a presto

  5. Sarei venuta volentieri ma avevo una riunione la sera presto e, come sicuramente sai (lo sa tutta Ossona), sono reduce da un incontro ravvicinato del terzo tipo con un alieno dalle cattivissime intenzioni, chiamato streptococco. Non ti preoccupare, comunque, ho respinto l'invasione; se non della terra, perlomeno quella del mio universo corpuscolare.

  6. cavoli! non sapevo qualcosa che sa tutta ossona!!! ahi ahi.. perdo colpi.. a seguir la luna (i diritti.. come da pezzo altomilanese). dai, allora la riorganizziamo in futuro, erano tutti contenti!

  7. eh si, perdi i colpi. in ospedale son passati quasi tutti a salutarmi ( e chi non ha potuto mi ha perlomeno mandato un sms). Mancavate giusto tu e don Angelo.

  8. eh si, perdi i colpi. in ospedale son passati quasi tutti a salutarmi ( e chi non ha potuto mi ha perlomeno mandato un sms). Mancavate giusto tu e don Angelo.

  9. e in ogni caso, Gibo. il grande razzista sei tu. Razzista e ignorante come una capra. Non bastati i 15 anni di università ad insegnarti nè la tolleranza nè l'umiltà. Sei un arrogante indisponente sciocco ragazzino che non ha neppure tentto di crescere e o sono tufa di aver pietà di te.

  10. Cronacaossona. com è un blog informativo creato per Ossona e per gli ossonesi e non è una emanazione della lega nord di Ossona. Il fatto. Però la possibilità di scriverci è data solo alle persone civili e in grado di accettare iil modo di vedere il mondo anche dalla parte degli altri, il che ti esclude automaticamente.

  11. Noto con dispiacere che ci sono delle persone che hanno un arroganza senza fine, vengono su questo blog ad avanzare pretese senza senso.
    Certi personaggi si qualificano per come scrivono, l’articolo di Giuseppe Castellese è valido, gradito.
    Non sono graditi i molestatori e d’ora in poi i commenti potranno essere rimossi dal sito a nostro insindacabile giudizio.

  12. Ho chiarito con Castellese, che vista l'eta e il fatto che non è di Ossona, poco sa delle dinamiche e dei trascorsi. per chiuderla qua, se l'iniziativa è di VAS e nasce dalla mia voolontà, fa sorridere tutto questo polverone per nascondere quello che ormai tutti sanno. se il blog è di tutti gli ossonesi, come mai non riporta tutte le brillanti iniziative che si svolgono in paese e che vedono i nostri concittadini protagonisti? ad esempio il convegno in villa littà di martedì scorso, o ieri sera (4 ottobre) la fiaccolata per la pace e il dialogo interreligioso? ah, è vero ai leghisti attaccatti più volte nel corso della serata per le ordinanze razziste degli ultimi anni, il fatto che il nostro sindaco come gli altri sindaci della zona, abbiano partecipato per dare il SEGNO DEL CAMBIAMENTO IN ATTO NELLA CULTURA, forse non è piaciuto

  13. p.s. rileggendo l'articolo. vi è molta anche sana e interessnte filosofia, ma molto poco rispetto alla serata.. ergo, cogliamo il lato positivo e invitiamo alla lettura di Ivan Illich, "per una storia dei bisogni"… non certo la "scienza economica"… economia, etimologicamente vuol dire gestione della casa..giusto per ridare senso alle cose.

  14. se io volessi continuare a fare il professore, supponendo che sia stato appropriatamente tirato in ballo Ivan Illich, riporterei qui il latinetto: cave hominem unius libri! e con ciò onorerei il “ragazzo” definendolo. Ma il guaio vero è che il soggetto sfugge ad ogni benevola considerazione, cioè è costantemente “out”, tutto preso come è delle sue piccole manie di… fanciullesco “possesso”. Egli pare agitare ai quattro venti: “badate, tenetevi alla larga poiché tutto questo che vedete… “è mio”. Povero figlio!!!

Rispondi