Casorezzo. Tentano furto al Circol dal Boia. Presi.

La scorsa notte un ragazzo romeno di 23 anni, pregiudicato, con tutta probabilità residente ad Ossona, e un  giovane di 19 anni di Mesero altrettanto conosciuto alle forze dell’ordine, sono stati sorpresi  all’interno dei locali del famosissimo Circol dal Boia di Casorezzo, sulla via che collega Casorezzo con Ossona. I due ladruncoli avevano fatto troppo rumore nell’ intrufolarsi nel bar ed un residente ha chiamato il 112.

Casorezzo, via per Ossona: tentano furto al Circol dal BoiaSono intervenute due pattuglie dei carabinieri, da Parabiago e da Busto Garolfo, che si sono resi immediatamente conto dell’effrazione.
Attraverso la porta aperta, i carabinieri sono entrati nei locali del Circolo e hanno sopreso i due malviventi ancora all’interno, con in mano i ferri da scasso e un computer portatile.
Il bar dell’ ex circolo ARCI, conosciuto da tutti come Circol dal Boia, deve il suo nome all’ aver ospitato, sin dal dopo guerra, quando i militanti del PCI erano sopranominati per l’appunto “boia”,  la sezione locale del PCI e tutte le sue evoluzioni storiche fino ai giorni nostri.
Ancora oggi è usato come luogo di ritrovo per le riunioni di partito dagli appartenenti al Partito Democratico locale.

Forse, i due malviventi, sapendolo, avranno pensato che, data la vocazione buonista del PD , non avrebbero corso rischi. Hanno fatto male i loro conti e sono stati giustamente arrestati. Oggi sono stati processati per direttissima dalla procura di Milano(Fonte: varesenews)

Ilaria Maria Preti
Chi sono Ilaria Maria Preti 2315 articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.

10 Commenti

  1. non possiamo svitargliela e mettergliene un'altra… Fino a primavera comunque non si avrà problemi di trovarlo dentro la proloco o da Ossona Insieme… e poi sarà il caso che qualcuo prenda la decisione da prendere e lo rimandi a casa da suo padre.

  2. Deficenti! è morto suo padre. ora era vittima di ossonesi che lo hanno usato per arricchirsi. e non fate finta di non saperlo. poi, settimana scorsa mi ha fatto arrabbiare anche a me…ma se penso a quel ragazzo, spinto da ITALIANISSIMI CON COGNIMI, LOMBARDISSIMI E PER DI PIù OSSONESISSIMI ANCHE SE A MESERO.. la volete piantare col vostro razzismo ignorante?? sono felice che il vostro governo stia per fare una legge sul gioco d'azzardo. poi lo sapete benissimo, se si è figli di ricchi e potenti o 'ndranghetisti del luogo, tutto viene perdonato o insabbiato, mentre se si tartta diun povero cristo che gia a 15 anni portava i soldi in casa e lavorava 8 ore al giorno, oltre alla scuola che ha dovuto lasciare, nonostante avesse discreti risultati, nonostante la lingua. ma dai. vergogna. ora ha sbagliato troppo e paga, ma il sig. bertola che da 3 mesi non paga gli stipendi.. lui si è una brava persona.. ma va…

  3. la demenza dei leghisti, i ladri dei soldi pubblici in tanzania e delle lauree in albania non ha fine. dopo aver appreso la notizia degli amici del ragazzo hanno contattato la famiglia e hanno appreso che il ragazzpo di 22 anni, non pregiudicato, ma con precedenti dovuti a guida in ebrezza, come molti padani e italioti, ha invitato l'assistente sociale del carcere a avvisare sul luogo di lavoro la sua impossibiltà a recarsi a lavorare e solo oggi alle 13 è stata avvisata la madre.
    Mi spiace constatare la "pochezza" morale che contraddistingue certi personaggi che incapaci di vedere la trave nel proprio occhio, cercano pagliuzze negli occhi altrui, e non si rendono conto di cosa sta succedendo e di quali sono le cause. E allora chidieamo, mandare un ragazzo da un genitore morto, chiudere una ditta senza pagare gli operai e scappare col bottino, tangenti su tangenti a tutti i livelli politici e regionali da parte del partito del razzismo, lega nord. Questa ultima speculazione è insopportabile.

Commenti chiusi.